7 Agosto Ago 2018 0852 07 agosto 2018

Perché smettere di fumare

  • ...

Il vizio del fumo è un problema che riguarda moltissime persone, tra cui anche i giovanissimi che si avvicinano per la prima volta alle sigarette.

Prendere consapevolezza dei rischi che comporta il fumo è un primo passo per affrontare il problema, che altrimenti può condurre a conseguenze anche molto pesanti per la salute del fumatore e quella degli altri.

Leggi anche "come smettere di bere e fumare"

Pericoli per la salute

I motivi per cui si decide di smettere di fumare possono essere i più diversi, ma tutti ugualmente validi per raggiungere l’obiettivo. La motivazione più forte e diffusa riguarda la volontà di preservare al meglio la salute. Il fumo è la ragione di numerose patologie, di cui alcune molto serie.

Tra queste il tumore ai polmoni e al cavo orale, il cancro al seno, alla vescica e all’intestino. Anche altri organi rischiano di essere attaccati dalle sostanze cancerogene presenti nella sigaretta: colon, faringe, laringe, esofago, pancreas e cuore.

Anche inalare il fumo passivo significa respirare migliaia di sostanze chimiche, alcune delle quali cancerogene. Chi è esposto a questo tipo di fumo, ha una possibilità superiore alla media di contrarre il cancro o una malattia cardiaca.

Leggi anche "come smettere di fumare senza ingrassare"

Le implicazioni sociali

Il fumo fa male al corpo, ma anche al portafogli. Che si tratti di tabacco, sigarette classiche o elettroniche, pipe o sigari, è un costo mensile non indifferente, per cui varrebbe davvero la pena smettere di fumare.

Esistono anche ragioni di tipo estetico che inducono i fumatori più assidui ad abbandonare il vizio. Chi fuma spesso porta sul corpo dei segni inequivocabili come i denti ingialliti, l’alito pesante, la nicotina che sporca le dita, la pelle grigia, oltre al noto fastidioso odore sugli abiti.

Per questo il fumo incide anche a livello sociale: è una vera e propria dipendenza che rende schiavi e vincola a gesti rituali di cui si fa fatica a liberarsi, come la famosa pausa caffè e sigaretta.

Anche a livello sociale l’immagine del fumatore è cambiata nel tempo: se prima avere una sigaretta fra le dita si credeva che donasse un atteggiamento sicuro, negli anni dei nuovi modelli salutisti hanno per fortuna ribaltato questi schemi nocivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso