14 Agosto Ago 2018 0900 14 agosto 2018

Come fare le trecce attaccate alla testa

  • ...

La treccia attaccata alla testa, conosciuta anche come treccia alla francese è un'originale acconciatura molto in voga, che si differenzia dalla classica treccia per un curioso particolare: parte dalla sommità del capo e non a metà.

Leggi anche: "Come fare chignon con treccia"

Consigli preliminari per la realizzazione della treccia alla francese

La realizzazione di una treccia alla francese non è poi così difficile come si crede, basterà munirsi di pazienza e di pochi e semplici accessori.

Si consiglia in particolare di:

  • intrecciare i capelli davanti allo specchio per vedere meglio come si sta procedendo;
  • tenere i capelli tesi mentre li si intreccia, una treccia morbida potrebbe sciogliersi durante la giornata;
  • prima di iniziare pettinare accuratamente i capelli per eliminare i nodi;
  • aggiungere ciocche sempre uguali a ogni passaggio. Modificandone lo spessore, la treccia apparirà irregolare;
  • applicare la lacca per capelli per un aspetto più ordinato;
  • terminare la treccia con uno chignon o una coda di cavallo senza completarla fino alla fine.

Treccia alla francese: i vari step per la sua realizzazione

Come accennato in precedenza, per prima cosa bisognerà spazzolate bene i capelli eliminando eventuali nodi e applicando preferibilmente un fissante da distribuirvi sopra con il pettine.

Fatto ciò si potrà iniziare a creare la treccia:

  • Prendere una ciocca di capelli dal centro della testa, aiutandosi col pettine, e dividerla poi in tre ciocche (per chi ha la frangia, potrà scegliere di includerla nella treccia facendola partire dall'attaccatura sulla fronte) da intrecciare afferrando i capelli dalla parte centrale e superiore della testa, giusto sopra la fronte.
  • Una volta fatti i primi passaggi, prendere una nuova ciocca dalla parte laterale del capo che preferite (destra o sinistra) che andrà unita alla ciocca centrale, continuando poi l’intreccio aggiungendo altri capelli seguendo sempre lo schema della treccia classica.
  • Ripetere il procedimento dall’altro lato della testa e continuare fino a prendere tutte le ciocche. Man mano che si scende verso la nuca si potrà osservare un'unica treccia centrale, e una volta inserite tutte le ciocche, terminare la treccia come se ne stesse facendo una classica. Al termine fissarli con un nastro, evitando gli elastici che tendono a strappare e a spezzare i capelli.

Leggi anche: "Come fare la treccia a cascata"

Creare una Corona con la Treccia alla Francese

Con la treccia alla francese, si potrà anche creare un'elegante corona.

Anche in questo caso bisognerà pettinare come prima cosa i capelli per eliminare eventuali nodi e per renderli lisci. Cominciare poi la treccia selezionando una piccola ciocca di capelli dal lato in cui si desidera vada la treccia. Lo spessore è importante, perché determina la grandezza della treccia finale (se si vorrà una treccia grande, bisognerà selezionare una ciocca molto piena, se si preferisce una treccia più piccola, dovrà essere presa ciocca più sottile).

Andrà divisa poi la ciocca in tre parti, (parti che dovranno circondare il viso a corona, anziché dirigersi verso la nuca) così da poter iniziare la realizzazione della corona come se fosse una treccia classica, aggiungendo altri capelli, man mano che si procede così da formare una corona o una sorta di aureola.

Mentre nella treccia alla francese, i capelli vengono incorporati da entrambi i lati della testa, per la corona, basta aggiungere i capelli da un unico lato.

Si potrà poi scegliere se far passare la treccia sopra o sotto l'orecchio.

Inoltre:

  • se la treccia è singola, si potrà fare il giro della testa fino a raggiungere l'orecchio opposto o l'altra parte della testa;
  • per preparare due trecce, smettere di intrecciare al raggiungimento della nuca dove si dovrà legare la prima treccia con un elastico, per poi seguire il medesimo procedimento dall'altro lato della testa per realizzare la seconda.

Leggi anche: "Come fare tre diversi tipi di trecce"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso