16 Maggio Mag 2018 1445 16 maggio 2018

Come fare la pasta fatta in casa

  • ...

Ravioli, fettuccine, gnocchi, orecchiette e fusilli: la pasta fresca fatta in casa è da sempre sinonimo di prestigio e raffinatezza, nonché fiore all'occhiello della gastronimia italiana. Per chi avesse voglia di seguire la tradizione, prepararla sarà una gran soddisfazione, e ci sarà davvero da dar sfogo alla propria fantasia, arricchendo ad esempio il classico impasto con verdure o ortaggi che daranno anche il giusto tocco di allegria..

Pasta fresca in casa, ricetta base

Ecco alcuni semplici attrezzi necessari per la preparazione della pasta:

  • una spianatoia di legno
  • un matterello
  • un coltello tagliapasta
  • delle rotelle taglia pasta, sia con lima liscia che ondulata
  • una bilancia e una spatola per raschiare
  • la macchina stendipasta

A seconda dell'impasto che si desidera preparare, con uova, farina e acqua (ad esempio per lasagne e tagliatelle), uova e farina (per la classica sfoglia emiliana), farina e acqua (per la realizzazione di gnocchi, strozzapreti, orecchiette), bisognerà munirsi degli ingredienti necessari.

In linea generale, per tutti gli impasti, le dosi andranno calcolate a uovo: per ogni uovo di circa 60\70g, occorreranno 100g di farina; per ogni 100g di farina, 50ml di acqua.

La farina da utilizzare potrà essere scelta in base alle preferenze personali o al tipo di pasta che si vuole fare.

La preparazione, consisterà in pochi, ma accurati, passaggi:

  • posizionare la farina a fontana sul piano da lavoro e formare il classico buco centrale dove andranno rotte le uova (se previste dalla ricetta dell'impasto che state per realizzare);
  • con l'ausilio di una forchetta sbattere le uova e iniziare ad impastare portando la farina dai bordi in direzione centrale; se invece l'impasto non prevede le uova, versare semplicemente poco per volta l'acqua che andrà inglobata alla farina;
  • quando la farina si sarà assortita, iniziare ad impastare con le mani fino ad ottenere un impasto grossolano;
  • fatto ciò, sarà ora necessario ripulire la spianatoia eliminando i residui di impasto con l'aiuto della spatola e lo stesso andrà fatto per le mani; questo per far si che i residui non vengano incorporati dall'impasto che continuerà a lavorare;
  • impastare ancora il panetto con un movimento ritmico di mani e polsi, facendo attenzione a lavorare la pasta sempre dallo stesso verso senza rivoltarla. Dopo un 15 minuti circa, l'impasto sarà pronto;
  • avvolgerlo in una pellicola e far riposare per almeno 30 minuti, ciò la farà diventare più elestica e facile da stendere.

Come stenderla

E' possibile stendere la pasta che si sta preparando in due modi:

  • A mano. In tal caso dopo aver infarinato il piano da lavoro porre al centro la palla di pasta che andrà spianata tramite il matterello. I movimenti dovranno andare dal centro alla parte superiore e dal centro ai lati.
    Durante la lavorazione la pasta dovrà, inoltre, essere spesso capovolta, affinché venga lavorata egualmente da entrambi i lati: un'operazione semplice che potrà essere realizzata ponendo il matterello al centro del disco di pasta, la quale dovrà essere chiusa in due semicerchi che andranno a loro volta riaperti, portando la parte inferiore al proprio cospetto.
  • Con la macchina stendipasta. Questo metodo, per quanto meno faticoso, sarà comunque un lavoro da fare con tutte la dovute attenzioni; innanzitutto bisognerà lavorare un pezzo di pasta per volta, e cominciare con una apertura dei rulli abbastanza alta.
    Se inizialmente la pasta tenderà a strapparsi, chiuderla a portafoglio e ripetere i passaggi fino a quando la pasta non risulterà integra. A questo punto bisognerà stringere i rulli e continuare il procedimento fino ad ottenere lo spessore di pasta desiderato.

In entrambi i casi, una volta stesa, la pasta sarà pronta per essere tagliata a seconda della forma che si desidera ottenere, con l'ausilio di rotelle o di apposite macchine.

Regole d'oro per una pasta perfetta

Si ricordi che:

  • Il piano da lavoro dovrà essere preferibilmente una spianatoia di legno, in quanto la sua rugosità è ideale per un impasto perfetto.
  • Bisognerà evitare di lavorare l'impasto in un luogo esposto alle correnti d'aria: esse andrebbero a seccare in fretta la pasta.
  • Il panetto andrà lavorato con energia sbattendolo sul piano da lavoro così che acquisisca l'elasticità dovuta.
  • Si ricordi di non sovrapporre mai le sfoglie di pasta, ma utlizzare un canovaccio pulito e infarinato per separarle.
  • Durante la cottura, per evitare che si attacchi, è consigliato l'aggiunta nell'acqua di cottura della pasta un cucchiaio di olio.

Leggi anche: "Come fare i ravioli di carne al vapore"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso