12 Settembre Set 2018 1245 12 settembre 2018

Come pulire porcini

  • ...

I funghi porcini sono spesso considerati la qualità di funghi più ricercati e raffinati per le preparazioni culinarie.

Grazie al loro sapore delicato, alla carne bianca e gustosa, i porcini sono diventati i protagonisti di numerose ricette sfiziose, che spaziano dai classici risotti ai più elaborati secondi piatti.

Leggi anche "Come cucinare i funghi"

La preparazione dei funghi porcini

I funghi porcini crescono spontaneamente nei boschi di faggio, querce e pini, ad altitudini variabili tra i 700 e 1500 metri.

Iniziano a spuntare verso la fine di agosto quando le precipitazioni gradualmente diventano più frequenti.

I mesi maggiormente interessati dalla raccolta del porcino però sono quelli di settembre e ottobre che con i loro giorni piovosi che creano un’umidità adatta alla crescita naturale del fungo.

Che si raccolgano nei boschi oppure si acquistino al mercato, i funghi porcini per essere preparati necessitano di una pulizia preventiva che li liberino da terriccio ed eventuali parassiti che abitano le spore.

Leggi anche "Quando si raccolgono i funghi porcini"

Cosa serve per pulire i porcini

  1. Carta di giornale
  2. Canovaccio umido
  3. Coltello a punta fine
  4. Spazzola a setole medie per pulizia dei funghi

I passaggi da fare per la pulizia dei porcini

I segreti per effettuare una pulizia profonda del fungo iniziano con l’individuazione di eventuali parassiti che vivono e si nutrono del porcino.

Il primo step è proprio quello di utilizzare un antiparassitario naturale come la carta di giornale.

  1. La carta di giornale
    Per eseguire una pulizia profonda del fungo porcino è indispensabile servizi di pazienza ed eventualmente di qualche strumento del mestiere che agevoli il lavoro e lo renda più veloce. Come anticipato precedentemente, la carta di giornale è un ottimo antidoto per scovare i parassiti, quali vermi o larve.
    Posizionare quindi i funghi porcini sulla carta di giornale con la cappella verso il basso, attendere almeno una giornata e gli eventuali ospiti indesiderati inizieranno a risalire verso il gambo per cercare di evadere dalle spore. Questo discorso vale per i funghi porcini raccolti in un contesto naturale, se questi sono stati comperati in allevamenti oppure al supermercato, generalmente hanno già subito trattamenti di pulizia profonda.
    Altro rimedio efficace ed immediato è quello del pepe.
    Cospargere il fungo di pepe per qualche minuto, allontanerebbe tutti i parassiti dall'habitat. L’importante è togliere il pepe dopo qualche minuto con una spazzola o un canovaccio asciutto.
  2. La rimozione della terra e delle parti rovinate del fungo
    Rimuovere la terra dal porcino
    con una spazzola a setole morbide evitando di danneggiare il fungo spezzandone le parti della cappella, parte maggiormente delicate del fungo. Inumidire quindi la spazzola con un po' di acqua per agevolare i lavoro.
    La spazzola per funghi si trova in qualsiasi negozio di utensili ed è possibile trovarla su siti e-commerce a prezzi davvero competititvi.
    Dopo aver ripulito il fungo dalla terra, cercare di rimuovere eventuali parti rovinate del fungo che solitamente si torvano agli estremi della cappella e del gambo.
  3. La divisione delle parti del fungo e la raschiatura
    Staccare con un movimento rotatorio la cappella dal gambo ed iniziare a raschiare delicatamente la parte inferiore della testa togliendo eventuali parti danneggiate. Raschiare anche la parte superiore della cappella con la parte del coltello senza lama per non rovinare le parti.
  4. La pulizia con il canovaccio e l'affettuatura delle parti
    Prendere un canovaccio umido e pulire tutte le parti del porcino evitando di pulirlo sotto acqua corrente per via del corpo spugnoso che assorbe in grande quantità l’acqua.
    Affettare i porcini posizionando la cappella con la base verso il basso tagliandola a listarelle di circa 1 o 2 cm. Per il gambo, tagliare la parte in modo circolare per servirsi di tutte le parti del fungo.

Leggi anche "Ricetta funghi sott'olio senza aceto"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso