9 Ottobre Ott 2015 1228 09 ottobre 2015

Come partecipare a gare d'appalto

  • ...

Le istruzioni per proporsi ad una gara d'appalto

Le gare d'appalto vengono, normalmente, indette da enti pubblici che, non avendo la possibilità di eseguire in proprio determinate opere, si rivolgono al mondo del lavoro verso imprese o consorzi, a seconda della complessità delle opere da eseguire.

Si emette un bando di gara, dove saranno specificate, in modo dettagliato, le opere da eseguire e le date di inizio e fine lavori, il costo base delle opere da eseguire, le date di chiusura del bando di gara e l'apertura delle buste delle varie imprese partecipanti, con l'assegnazione dei lavori alla ditta o consorzio vincitore.

Ma come presentare l'offerta e quali adempimenti vanno rispettati per poter avere buone possibilità di vedersi aggiudicato l'appalto?

Per evitare di essere esclusi in partenza, si deve fare riferimento in modo preciso a quanto l'ente appaltante chiede, in modo specifico, nel bando di gara; avvisi e capitolati.

Le offerte relative alla gara devono pervenire, tassativamente, entro la data indicata nel bando, in tre buste differenti, chiuse con la ceralacca e controfirmate dai legali rappresentanti delle società partecipanti.

Il tutto, poi, va messo in una busta più grande con la modalità richiesta nel bando.

Va precisato che la prima busta (A) deve contenere tutta la documentazione richiesta nel bando di gara: profilo della società e dei suoi amministratori.

La seconda (B) deve essere di natura tecnica e molto dettagliata, come richiesto nel capitolato tecnico, riguardo ai lavori da eseguire, indicando tutte le risorse necessarie.

La terza (C) è l'offerta economica, che indica l'importo complessivo richiesto per l'esecuzione delle opere.

Inoltre, l'impresa deve dichiarare di essere disposta a versare, a titolo di garanzia (quasi sempre fideiussione) quanto richiesto nel bando. Di solito, si tratta del 2% circa del costo base.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso