11 Luglio Lug 2018 1832 11 luglio 2018

Di cosa parla il libro Wonder

  • ...

Rimasto nella classifica dei best seller del New York Times, per oltre settanta settimane, Wonder non è un semplice libro per ragazzi, ma un emozionante racconto che tratta il tema della diversità, e che è riuscito a conquistare il cuore dei lettori di ogni età.
Scritto da R.J.Palacio, Wonder, arriva anche nelle sale italiane, con l'omonimo film, che vede protagonisti Julia Roberts e Owen Wilson.

Wonder: la forza della gentilizza

"Il fato ha sorriso e la sorte ha riso, quando si è avvicinata alla mia culla.."

Nato con la sindrome di Treacher-Collins (malattia dello sviluppo cranio facciale, che lascia intatto il corpo, ma deforma orribilmente il viso), August (Auggie), è un ragazzino di undici anni, che si trova, dopo anni di protezione da parte della sua famiglia, ad affrontare con coraggio il mondo della scuola, che si rivelerà trionfante, grazie alla gentilezza con la quale si confronta con le persone intorno a sé.

Ed è proprio con l’ingresso del bambino nella scuola media, che si apre il racconto; una scuola, in cui tutto per Auggie è nuovo: regole, persone e spazi. Una vita sociale tutta da costruire, che diventa una vera e propria prova di coraggio. Il bambino, infatti, non può camminare per strada o per un corridoio senza che gli altri gli si rivolgano con frasi e sguardi crudeli, trattandolo come un appestato. Indossare il suo nuovo costume per Halloween, rappresentante uno dei personaggi preferiti di Guerre Stellari, è l'unico modo che lo farà sentire un bambino normale.

Ma in questo difficile percorso, preziosa risulta non solo la mediazione del preside, straordinario esempio di grande educatore, attento alle persone e alla pedagogia più che alla normativa, ma anche altri insegnanti come l’appassionato Mr. Browne, o la piccola Summer che insieme ad altri compagni che gli sta vicino nei momenti di difficoltà.
August con i suoi modi unici, ricambierà tutti con la sua capacità di toccare profondamente la vita di quanti gli sono attorno e non hanno paura di lui.

Leggi anche: "Libri per ragazzi, Giunti sorpassa Mondadori"

Wonder, il Pinocchio moderno

Sono in tanti ad avere paura della 'diversità', ma chi lavora, o comunque chi si trova ogni giorno a contatto con bambini “diversi” sa quanto essi possano essere speciali, coraggiosi, profondi e spiritosi allo stesso tempo.

L'idea di Wonder nasce, stando alle parole della stessa autrice, da una sua esperienza personale: un giorno, al parco, insieme ai figli, incontra una bambina affetta proprio dalla Sindrome di Treacher Collins, alla sua vista, la prima reazione fu quella di alzarsi dalla panchina e allontanarsi, affinché i figli non si spaventassero e non incorressero in commenti spiacevoli. Colpita in seguito, da un profondo turbamento per il suo insensibile comportamento, la donna, decide così di dare inizio alla stesura di questo romanzo..

August, una sorta di "Pinocchio moderno", un bambino protetto dalla cattiveria del mondo dai genitori e dalla sorella e che gradualmente si avvicina alla vita e alla gente: un prodotto di fantasia, che fa immergere i lettori in una lunga meditazione su come la bontà e l’altruismo, nonché semplici gesti di generosità, possano arrivare a trasformare la propria essenza, e quella di chi sta intorno, perché:

"al male è sempre meglio rispondere con il bene, dicono che quest'ultimo sia contagioso".

Leggi anche: "Julia Roberts torna in Wonder"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso