19 Novembre Nov 2018 1605 19 novembre 2018

Chi era Tiresia

  • ...

Per scoprire chi fu Tiresia, si deve fare un salto nel passato al tempo della mitologia greca. Tiresia infatti fu un celebre indovino di origine tebana.

Molte e diverse le leggende che accompagnano il mito di Tiresia che fu raccontato sia da Dante che dal celebre narratore Ovidio nelle sue Metamorfosi III.

Leggi anche "Andrea Camilleri porta al cinema il suo "Tiresia"

Ovidio racconta Tiresia

La leggenda vuole che Tiresia, figlio di Evere (discendente degli Spartani) e della ninfa Cariclo, mentre passeggiava tra le colline vide due serpenti accoppiati.

Tiresia colpì il serpente femmina ed immediatamente venne tramutato esso stesso in donna. Si narra ancora che, trascorsi sette anni con sembianza di donna, rivedendo ancora due serpenti accoppiati, colpì il serpente maschio e ridivenne uomo.

Questa trasformazione doppia fece scalpore tra gli dei dell'Olimpo, i quali decisero di chiedere a Tiresia se nell'atto amoroso provasse più piacere la donna oppure l'uomo.

Tiresia, senza un benchè minimo ripensamento, disse che il maggior piacere veniva provato dall'uomo.

Era, adirata, accecò Tiresia.

Il buon padre Zeus, dio dell'Olimpo e signore degli dei, orgoglioso della risposta e mosso a compassione per il gesto compito dalla moglie Era, decise di far dono a Tiresia della profezia e della veggenza.

Una seconda versione riguardo la cecità di Tiresia

Un'altra versione vuole che Tiresia trovandosi a passeggiare lungo le sponde del fiume in cui sua madre e la dea Atena si stavano bagnando alla sorgente, questi vide la dea Atena nuda che lo accecè coprendogli gli occhi con le mani.

A seguito la stessa dea per consolare la madre di Tiresia, fece dono al figlio di predire il futuro e di poter guidare i propri passi con un bastone di corniolo.

Anche la figlia del veggente Tiresia, Manto, ricevette il dono della veggenza.

Leggi anche "Chi erano gli dei dell'Olimpo"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso