7 Dicembre Dic 2017 1029 07 dicembre 2017

Origine calendario dell'avvento

  • ...

L'Avvento non è altro che il periodo d'attesa che precede il Natale e si compone di quattro settimane o meglio di quattro domeniche prima dell'arrivo di Gesù.

Infatti, in chiesa, in questo periodo ci sono di solito 4 grosse candele che vengono accese una ad una per scandire le domeniche fino ad arrivare al Santo Natale.

Ma esiste anche un modo grazioso e divertente per far passare il tempo che ancora ci divide dal 25 dicembre; l'ideale soprattutto per i bambini.

E' il calendario dell'Avvento, una tradizione antica che arriva dal Nord.

In particolare, si narra che Gherard Lang, all'inizio del 1900, volle continuare un'abitudine casalinga legata alla sua infanzia. La mamma di questo signore tedesco per non sentirlo ogni giorno chiedere quanto manca al Natale, decise di cucire 24 sacchetti con dentro un biscotto per ciascuno. Ecco allora che ogni giorno che passava a partire dal primo dicembre il piccolo Gherard ne riceveva uno. Quando poi i sacchettini erano finiti poteva significare solo una cosa: era arrivato il Natale!

Gherard Lang da allora continuò questa idea formando un cartellone composto da 24 finestrelle da riempire secondo i propri gusti. E così dalla Germania la simpatica abitudine raggiunse altri Paesi fino ad arrivare anche in Italia.

I calendari dell'Avvento


Oggi, esistono numerose tipologie di calendari dell'Avvento, a partire da quelli con scritte oppure con piccoli dolciumi o semplicemente con graziose rappresentazioni natalizie sotto ogni casellina. Infatti tutti i giorni ci sarà una sorpresa da svelare aprendo la finestrella di questo utile e simpatico calendario ormai famoso in tutto il mondo.

Ma non ci sono solo i calendari con la cioccolata, esistono anche quelli con la musica, con i brillantini, con i cassetti o addirittura tridimensionali oppure con dei giocattoli e magari pure il calendario dell'Avvento fai da te.

L'importante comunque è arrivare alla vigilia di Natale!

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso