8 Giugno Giu 2018 0926 08 giugno 2018

Soldi falsi cosa fare

  • ...

Se si pensa che la banconota ricevuta, magari nel resto, sia falsa è bene farla esaminare portandola in Banca o in Posta oppure alla Banca d’Italia.

In Italia, vengono falsificati di solito i tagli da 50 e 20 Euro, ma anche le monete da 2 Euro, 1 Euro e quelle da 50 centesimi. Per evitare la prolificazione dei soldi falsi si è messo in atto un progetto di emissione molto tecnologico per esempio sui 50 Euro, che dal 2017 mettono in evidenza in trasparenza la figura di Europa. Ma non è sufficiente, perché è visibile pure un numeretto verde che se mosso cambia in blu.

Leggi anche: Come riconoscere banconote false 20 euro e Come riconoscere 50 Euro falsi e Come fare soldi falsi

I consigli della Banca d'Italia

Ecco alcune accortezze da utilizzare per riconoscere se il denaro ricevuto è falso:

  • la striscia brillante presenta sul retro il suo valore oltre al simbolo €
  • la filigrana in controluce o su di un tavolo scuro mette in evidenza il numero 20 più chiaro o più scuro
  • microscritte in greco da leggere con la lente d'ingrandimento
  • se si muove la banconota cambierà l'immagine, mentre in controluce si può vedere anche il simbolo composto da tante perforazioni
  • ci sono pure degli elementi in rilievo che sfiorandoli si sentono con il polpastrello

Come comportarsi in caso di moneta sospetta

In caso di una banconota sospetta bisogna presentarla in Banca oppure in Posta o alla Banca d’Italia per un esame approfondito. Se la stessa è considerata falsa viene ritirata e trasmessa all’amministrazione della Banca d’Italia. La persona che ha presentato la banconota ottiene il verbale e la copia della banconota come ricevuta. In seguito, se la Banca d’Italia afferma la legittimità, l’importo della banconota verrà rimborsato con un vaglia, mentre nel caso opposto nulla sarà dovuto.

Ma l'importante è cercare sempre di dare un'occhiata al proprio denaro perché anche inconsapevolmente si potrebbe spendere una moneta falsa e questo è considerato un reato!

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso