16 Luglio Lug 2018 1102 16 luglio 2018

Regioni a statuto speciale perché

  • ...

Le regioni italiane si sono formate quando è nata la Costituzione italiana, nel 1948. Fino al 1970, non sono mai entrate in funzione perché non era mai stato eletto un consiglio regionale. Ma perché e quando sono nate le regioni a statuto speciale?

Sicilia regione a statuto speciale dal 1946

Le regioni a statuto speciale sono nate per motivi diversi. L’autonomia parziale della Sicilia, ad esempio. Venne confermata nel 1946 con decreto firmato dal Luogotenente del Regno d’Italia per conto del padre Vittorio Emanuele III, il principe Umberto di Savoia. L’autonomia era stata fortemente voluta dal movimento indipendentista siciliano che diventò numeroso al punto da formare l’Esercito Volontario per l’Indipendenza Siciliana (EVIS). Dopo alcuni scontri, il MIS riuscì a eleggere i deputati all’Assemblea regionale.

Leggi anche quante regioni ci sono in Italia

I motivi dell’autonomia in Sardegna, Trentino, Friuli e Valle D’Aosta

All’inizio le regioni a statuto speciali erano quattro (Sicilia, Sardegna, Trentino e Valle D’Aosta). Ad oggi, invece, a queste quattro regioni, bisogna aggiungere anche il Friuli-Venezia-Giulia, la cui proposta di autonomia fu accettata all’inizio del 1963 a causa dei problemi relativi allo sviluppo economico. Lo statuto speciale fu concesso alla Sardegna viste le numerose richieste dei politici locali che cominciarono a richiederlo già dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Leggi anche quali sono i poteri delle regioni a statuto speciale

In Trentino, invece, lo statuo speciale è stato concesso a causa delle rivendicazioni territoriali austriache. Il governo austriaco, nello specifico, trattò con quello italiano per tutelare la minoranza tedesca in cambio del processo di ‘italianizzazione’ avvenuto durante il fascismo Anche la Valle D’Aosta ha ottenuto lo statuto speciale per motivi simili a quelli del Trentino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso