21 Agosto Ago 2018 1017 21 agosto 2018

Come funziona un climatizzatore

  • ...

L'impianto di climatizzazione, composto da un macchinario esterno e da uno o più split interni, è detto anche pompa di calore.

Può generare sia aria fredda che calda ed è in sostanza una macchina termica che usa energia elettrica trasferendo calore da una zona a temperatura bassa ad un'altra zona con temperatura alta.

Leggi anche: Differenza tra aria condizionata o climatizzata

In pratica, il climatizzatore e il condizionatore sono molto simili, ma il primo è il migliore fra i due in quanto trasforma l'aria completamente, abbassando il livello di umidità e regolandola. In effetti, la climatizzazione è un circuito chiuso composto da un fluido che in relazione alla pressione e alla temperatura diventa liquido o si traduce in vapore.

Leggi anche: Condizionatore Samsung come funziona

Funzionamento

Il climatizzatore è composto da un condensatore, un compressore, un evaporatore, e una valvola di espansione. Infatti, il compressore forma una differenza di pressione che spinge il fluido refrigerante nell'evaporatore in cui evapora e assorbe calore.

Successivamente, viene compresso e spinto nel condensatore in cui condensa appunto ed espelle all'esterno il calore assorbito. Quindi, il refrigerante cambia il suo stato diventando gassoso nell'evaporatore e liquido nel condensatore.

Leggi anche: Condizionatori senza unità esterna, come funzionano

Vantaggio della climatizzazione

Il climatizzatore è senza ombra di dubbio un elettrodomestico che ha la capacità di togliere il calore da un ambiente verso l'altro ed offre più energia di quella che impiega. Per esempio, la potenza resa dalla pompa di calore varia con la temperatura e con il calore che assorbe da essa.

Utilizzo

Dopo che il climatizzatore è stato montato e regolato bisogna naturalmente utilizzarlo nel migliore dei modi e per quel che riguarda la ventilazione è bene distinguere tra la funzione raffrescamento e riscaldamento.

Con la prima le alette devono essere puntate verso l'alto dato che l'aria fredda è più pesante rispetto all'aria dell'ambiente quindi tende ad espandersi proprio verso il basso, mentre per il riscaldamento si consiglia la ventilazione con le alette rivolte verso il basso direttamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso