24 Ottobre Ott 2018 0851 24 ottobre 2018

Leggende sulla nascita della Sardegna

  • ...

Seconda isola del Mediterraneo per estensione e per densità di popolazione, la Sardegna, il cui isolamento ha fatto sì che diventasse una sorta di "mini-continente" caratterizzato da ambienti naturalistici degni di nota, è anche una terra ricca di misteri e leggende che ne narrano la nascita.

Leggi anche: "Dove andare in Vacanza in Sardegna"

La Leggenda di Tirrenide

Tra le tante storie e leggende sarde vi è quella di Tirrenide, un continente molto esteso, esistito millenni fa, dove regnava la pace, e dove tale quiete viene improvvisamente interrotta, in una notte come tante, da un terremoto inaspettato che scosse la Terra, agitò il mare, fece franare le coste e di conseguenza allagare tutte le fertili pianure del continente.

Sembrava la fine del mondo, quella sorta di paradiso terrestre stava per essere inghiottito sempre più velocemente per l'ira di Dio che decise di placare la sua collera fermando la catastrofe: posò allora un piede su di un lembo di terra che ancora fuoriusciva dalle acque riuscendo così a trattenerla prima che il mare la sommergesse del tutto.

Nonostante di quel meraviglioso continente, ne rimase solo una piccola parte, i sopravvissuti ne poterono comunque ammirare le sue caratteristiche rimaste immutate anche dopo un avvenimento così tragico. Tirrenide era infatti ancora una terra sempre soleggiata e ricoperta da una verde e florida natura.

Il nuovo "paese" dapprima prese il nome di Ichnusa (dal greco "ichnos" che significa appunto “orma di piede" e che ha dato il nome ad una nota birra sarda) per la sua peculiare forma, in seguito fu chiamata dai Greci "Sardò" (da cui l'attuale Sardegna), connettendola a Sardo, figlio di Eracle, che secondo la leggenda sarebbe arrivato nell’isola a capo di colonizzatori libici.

Leggi anche: "Qual è la leggenda di Atlantide"

La leggenda dell'ultima terra creata da Dio

La seconda leggenda inerente la nascita della Sardegna parla dell'isola come ultima terra creata da Dio. Il Signore presa tale decisione e messosi a lavoro si rese ben presto conto di avere a sua disposizione solo dei grossi sassi, decise allora di radunare tutte le pietre nel mare e, con un sandalo infuocato le pestò.

Si delineò così tra le acque la prima forma di Ichnusa, modellata dall'impronta divina. La creazione non era però finita: per far sì che in quella terra potesse nascere la vita, Dio prese ciò che mancava da tutte le terre del Mondo, sparse il tutto sulla base pietrosa e rese la nuova terra unica ed eccezionale.

Mancavano ora solo le creature che la popolassero, animali ed uomini, e con un soffio li creò. Non sentendo ancora finita la sua missione, si trasformò in un vecchio mandriano e sull'isola si avvicinò ad un gruppo di pastori, che stavano mungendo le capre sulla soglia di una capanna; costoro non appena lo videro, pur senza riconoscerlo, lo fecero entrare nella capanna e spartirono con lui il loro pane ed il loro formaggio, offrendogli così una calorosa ospitalità.

Il Signore rimase con loro e, per tutta la notte, raccontò fiabe e leggende che ancora oggi vengono tramandate di generazione in generazione.

Leggi anche: "Quali sono le leggende su Stonehenge"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso