30 Ottobre Ott 2018 2248 30 ottobre 2018

Quando si inzia a sentire il bambino in pancia

  • ...

Sentire i movimenti del proprio bambino in pancia è una delle emozioni più belle della gravidanza.

Nelle prime settimane di gestazione infatti, la mamma non ha ancora la percezione dell’embrione dentro sè, ma può fare caso solo a movimenti sussultori del suo utero che si ingrandisce per fare spazio alla crescita del feto.

Leggi anche: "Prime settimane di gravidanza cosa non fare"

L’attesa di sentire il feto

Ogni giorno che passa, la futura mamma attende con grande apprensione la prima volta che potrà sentire il suo bambino, provando così l’emozione unica di sentire la vita dentro di sé.

Vi è da dire che ogni gravidanza è un esperienza diversa e anche se il piccolo non si manifesta con pugnetti e calcetti, nel periodo di crescita previsto, non vi è da allarmarsi inutilmente: arriverà il momento il cui si inizierà a sentire il piccolo e sarà la sensazione più strana e più amorevole che possa mai esistere.

Leggi anche: “Ecografia primo mese di gravidanza"

Quando il feto inizia a muoversi

I movimenti fetali, nella pancia della futura mamma, si iniziano a percepire alla 20° settimana di gravidanza, quando il feto ha compiuto metà del suo percorso di gestazione.

In questo periodo, non è più rannicchiato su sé stesso, ma incomincia ad aprire braccia e gambe, assumendo dei movimenti più decisi ed energici.
Sta crescendo a ritmi continui e con lui anche la mamma che ogni giorno potrà percepire cambiamenti sia dall’interno che dall’esterno del suo corpo.

Il singhiozzo come prima attività del feto

Vi è un dettaglio su tutti che suscita curiosità: il singhiozzo del feto,o meglio i sussulti dati dai muscoli della gabbia toracica del piccino che sviluppa gli alveoli polmonari.

Questa specie di sussulto ritmico, viene percepito dalla mamma come un singhiozzo, ma non è altro che la crescita dei muscoli che comporterà poi la respirazione.

La crescita muscolare delle vie aeree è chiamata singhiozzo fetale ed è possibile percepirla già a partire dalla 16° settimana di gravidanza.

Leggi anche: "Quando si sviluppano i sensi nel feto"

La 20° settimana di gravidanza

Per la gioia delle mamme, i pugnetti ed i calcetti cominciano a farsi sentire, complice soprattutto lo sviluppo della muscolatura e delle sinapsi del cervello che fungono da connessione tra le cellule del corpo permettendo al feto di rispondere agli stimoli esterni.

La mamma deve fare molta attenzione in questo periodo e cercare di stimolare il movimento del neonato attraverso suoni, carezze, movimenti corporali. È quindi un bene comunicare con il nascituro, tentando attraverso suoni e movimenti di stimolarlo e farlo reagire alle sensazioni.

Vi è da tenere conto però che il feto non ha i ritmi regolari comuni, ma ha un ritmo sonno-veglia di circa 20 minuti, quindi è normale che talvolta possa muoversi anche se la mamma sta dormendo.

Nessuna preoccupazione quindi se il bimbo cessa di muoversi improvvisamente o per delle ore consecutive: la salute del proprio piccino è collegata alla madre stessa e se qualcosa non funziona sarà proprio il corpo della madre a esternare l’allarme.

L’importante è effettuare tutte le visite periodiche, come l’analisi fisico chimica delle urine e la visita morfologica prevista tra la 19° e la 22° settimana che oltre che a svelare il sesso nel nascituro, verificherà le dimensioni del bambino e la normalità della sua anatomia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso