27 Gennaio Gen 2016 0958 27 gennaio 2016

Come vestirsi a Carnevale da punk

  • ...

I vari consigli per "spiriti ribelli" anche a Carnevale

Travestirsi a Carnevale è un must. Il travestimento da punk è molto semplice e economico e, anche, "alternativo".

Riprodurre lo stile punk degli anni precedenti può essere molto divertente, nonché rappresentativo d uno spirito ribelle: tipico, proprio, del movimento "punk".

Ma come vestirsi a Carnevale da punk?

Innanzitutto, bastano, assolutamente, i capi che si hanno in casa per travestirsi da punk.

Per cominciare, servono i blue jeans di qualsiasi forma e colore: i jeans chiari sono quelli più idonei per essere tagliati (creando le frange), o per "ospitare" vari disegni (ad esempio, teschi e scheletri, o il simbolo dell'anarchia, oppure altri simboli). I disegni si potranno fare con pennarelli indelebili.

Ai jeans va aggiunta, assolutamente, una T-shirt in jeans o in pelle, che può essere, anch'essa, tagliata in alcuni punti: per creare frange e, quindi, un look "alternativo".

Fondamentale è, anche, attaccare tante spille da balia, applicandole ovunque: sui pantaloni, sulla maglietta, ecc.

Per le scarpe, il consiglio è, quello, di indossare anfibi neri (tipici dei punk) o di un colore che si faccia notare (rosso, per esempio). Un'altra alternativa è, quella, di indossare scarpe di tela a stivaletto tipo "converse".

Al travestimento da punk dovranno essere abbinate anche catene da porre sulla maglietta, sul giubbino oppure sui calzoni.

Fondamentali, per un look da punk perfetto, sono, anche, i piercing (quelli finti si trovano, facilmente, in vendita), che bisognerà applicare in qualsiasi parte del viso (orecchie, labbra, naso o sopracciglia, per esempio).

Anche i capelli sono importanti, per un perfetto travestimento da punk: basterà acquistare una parrucca con una cresta colorata (su www.vegaoo.it si trovano molte parrucche punk a prezzi bassissimi) oppure tagliarsi i capelli creandosi, in alto, appunto, una cresta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso