12 Dicembre Dic 2016 0719 12 dicembre 2016

Come riconoscere i funghi commestibili

  • ...

Per riconoscere i funghi commestibili da quelli velenosi bisogna sapere con sicurezza quali sono le specie giuste ed avere tanta esperienza. Essere prudenti poi è il comportamento migliore, infatti conoscere bene solo alcuni tipi di funghi è meglio che credere di conoscere tante varietà di funghi, ma in modo superficiale. Anche sapere quali sono i funghi velenosi può aiutare moltissimo. Alla fine, non è certo una semplice passeggiata "andar per funghi"!

Come fare per diventare degli esperti

Per raggiungere l'esperienza necessaria e la dovuta sicurezza è bene farsi accompagnare da una guida per imparare il più possibile, ma anche un corso potrebbe aiutare molto per studiare le varie caratteristiche e proprietà dei funghi commestibili, perché quelli velenosi possono essere anche mortali. Tuttavia, se nonostante la grande esperienza sviluppata sul campo cercando funghi si avessero ancora delle incertezze, esistono i laboratori delle Asl competenti che svolgono il riconoscimento micologico.

Alcuni suggerimenti per la raccolta dei funghi



Durante la raccolta possono sorgere dei dubbi su alcuni funghi. Quindi, per maggiore sicurezza si consiglia di non mescolare mai i funghi commestibili con quelli forse velenosi. Di conseguenza è bene tenerli divisi in due cesti. I funghi "buoni" vanno poi conservati in frigorifero e consumati nelle 48 ore. Per la loro cottura invece occorrono circa 30 minuti per togliere eventuali tossine.

Varietà di funghi

I funghi più comuni che possono entrare in cucina tranquillamente e diventare una pietanza da portare in tavola, sono per esempio i Chiodini che crescono in gruppi alla base degli alberi come salici, abeti e querce.

Oppure i Gallinacci che si trovano nei boschi di querce o castagni e si presentano in estate e in autunno.

Non poteva mancare sua maestà il fungo Porcino che vive nei boschi, ai piedi di faggi, querce, pini e castagni. Ma fa capolino anche in montagna, tra i fili d'erba dei prati.

E per finire, ma non meno importante e squisito c'è il Prataiolo che varia come dimensione e colore e si trova di solito nei campi o sui prati. Era un fungo apprezzato anche nel passato e nasce in estate e in autunno. Queste sono solo alcune delle tante varietà di funghi commestibili che si possono trovare in certe zone e località, ma tra il dire e il fare occorre molta prudenza!

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso