18 Gennaio Gen 2018 1328 18 gennaio 2018

Come spalare la neve

  • ...

Cosa si fa quando al proprio risveglio si trova la neve che ha imbiancato tutto il vialetto davanti casa, e si ha bisogno di uscire di lì a poco? Beh, bisogna per forza di cose rimboccarsi le maniche e darsi da fare per spalare la neve che sta intralciando il proprio passaggio.

Cosa c'è da sapere

Spalare la neve può sembrare un gioco da ragazzi, ma sono tante le cose che si devono prendere in considerazione quando si deve fare un'operazione del genere, ad esempio se non si assume la posizione corretta, si rischia di ritrovarsi con dolori dappertutto e un mal di schiena che potrebbe bloccare la persona a letto per qualche giorno.

L'attrezzatura adatta

Sembrerà banale forse, ma la prima cosa a cui si deve pensare prima di mettersi in azione, è quello di coprirsi bene e nel modo giusto, per non prendere troppo freddo e ammalarsi. Bisogna indossare dei guanti per tenere le mani non solo calde ma anche asciutte, e si devono indossare scarpe adatte per non incappare in una brutta caduta sin dal primo passo sulla neve.

Anche l'acquisto di una pala deve essere fatto ragionevolmente, va scelta in base alla propria fisicità, infatti il manico deve arrivare all'altezza della cintura dei pantaloni, se invece risulta più alto si impiegano maggiori sforzi e la posizione che si assumerà non sarà consona e la schiena ne subirà i danni.

La postura ideale

Per spalare la neve, la schiena deve assumere la posizione più naturale possibile, ma nel momento in cui si deve cambiare posizione per abbassarsi, è meglio che stia dritta. Bisogna tenere le gambe divaricate (come se si volesse fare uno squat) per mantenere bene l'equilibrio, e usare il più possibile i muscoli della spalla. È importante evitare di sollevare la neve, ma spingerla semplicemente via da dove blocca il passaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso