26 Gennaio Gen 2018 1248 26 gennaio 2018

Come pagare Imu

  • ...

L’Imu è l’acronimo di Imposta Municipale Unica e sostituisce la vecchia Ici, e rappresenta un versamento del cittadino che viene destinato in parte alle casse dello Stato, e l’altra quota al Comune di appartenenza. Si tratta di un’imposta che pagano i possessori di una seconda casa, o nel caso in cui si possiede un unico immobile, ma che sia valutato come bene di lusso.

Il pagamento dell’Imu

Il pagamento dell’Imu è suddiviso in due rate, che negli ultimi anni non hanno subito variazioni sulle date di scadenza, e sono il 16 giugno (data del primo acconto) e il 16 dicembre, che costituisce il pagamento del saldo. La modalità per pagare l’imposta, prevede l’utilizzo del modello F24 in versione cartacea, o in alternativa effettuando tutto il procedimento telematicamente, o ancora utilizzando un bollettino da compilare.

  • Con il modello F24 cartaceo, si dovrà compilare correttamente l’intero documento, e solo successivamente si può provvedere al pagamento dell’importo. Per quanto riguarda il pagamento, a scelta ci si può rivolgere alla banca, alla posta, o ad Equitalia presso lo sportello di riscossione. È importante da portare con sé, a prescindere dall’ente a cui si decide di fare affidamento, la copia del modello F24 compilato in precedenza.
  • Nel caso in cui si è titolari di partita Iva è obbligatorio procedere per via telematica, ma è un sistema di cui possono usufruire anche chi non ne possiede una. Per chi sceglie questa modalità ci sono diversi sistemi quali: opzioni di internet banking offerte da banche e Poste Italiane, F24 Web.
  • Qualora si sceglie di pagare tramite bollettino, va compilato con il codice del Comune in cui è ubicato l’immobile, il numero di immobili per cui si deve pagare l’imposta, e se si tratta della rata dell’acconto o di quella del saldo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso