6 Luglio Lug 2018 1044 06 luglio 2018

Cedolare secca quando si paga

  • ...

Tutti coloro che vogliono affittare un appartamento possono ottenere dei vantaggi con la cedolare secca grazie all'aliquota agevolata. Questo regime è fruibile anche per l'anno in corso, il 2018.

Leggi anche: Che cos’è la cedolare secca?

La cedolare secca

La cedolare secca è stata usata moltissimo, in quanto ha fatto risparmiare tanti proprietari di immobili sulle tasse da pagare per il contratto di affitto. Grazie alla procedura semplificata e aliquote agevolate è stato facile negli scorsi anni optare per questo regime di tassazione che potrà essere applicato anche per gli affitti 2018.

Per pagare l’imposta bisogna usare l'F24 se i propri redditi vengono dichiarati col Modello Unico, mentre si paga in busta paga se si compila il 730.

Ma quando pagare? Le scadenze sono uguali alle scadenze Irpef, tuttavia la cedolare secca non va pagata nel primo anno d'affitto. Dall'anno successivo si inizia il pagamento che si basa sulle entrate dell'anno precedente.

Leggi anche Fac simile contratto di locazione cedolare secca​

Della cedolare secca si versa il 95% come acconto e il 5% a saldo, l’anno dopo. Quindi bisogna versare l'acconto entro il 30 novembre se c'è da pagare meno di 257,52 Euro oppure in 2 rate che sono 2 acconti se la cifra supera 257,52 Euro, di cui la prima rata è il 40% del 95% del dovuto, da pagare entro il 30 giugno, poi con la seconda rata si paga il 60% entro il 30 novembre. Quel che resta è il 5% a saldo, da versare entro il 30 giugno dell'anno dopo o il 30 luglio se si aggiunge la maggiorazione del 0,40%.

I codici per l'F24 sono:
1840: per l'acconto della prima rata
1841: per l'acconto della seconda rata o per un'unica soluzione
1842: per il saldo

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso