11 Luglio Lug 2018 1456 11 luglio 2018

Condizionatori senza unità esterna, come funzionano

  • ...

Con l'arrivo della stagione estiva, l'utilizzo di condizionatori e climatizzatori, che vadano a contrastare afa e umidità, è all'ordine del giorno. Mentre il condizionatore, va a modificare le caratteristiche dell’aria in un dato ambiente, il climatizzatore tende a mantenere invece stabili nel tempo le caratteristiche dell’aria impostate. Vi è poi il termoventilatore che, al contrario, non consente il controllo dell'umidità atmosferica.

Leggi anche: "Condizionatori: come scegliere quello giusto"

Condizionatori senza unità esterna, cosa sono

Per la scelta di condizionatori o climatizzatori si dovrà tener conto, non solo di prezzi e personali gusti estetici, ma anche della struttura della casa. Si dovrà ad esempio optare per condizionatori senza unità esterna, in mancanza di un balcone o di uno spazio aperto, o in presenza di leggi condominiali che vietino espressamente la presenza di apparecchi sulla facciata dello stabile.

Un condizionatore senza unità esterna è in media largo 90 cm, alto 51 cm e profondo 23, prevede la presenza del compressore e di tutte quelle parti che generano rumore (purtroppo la rumorosità all’interno dell’ambiente da climatizzare è da mettere in conto) ed integra sia l’unità condensante, sia l’unità evaporante, evitando di installare un macchinario sulla facciata esterna dell’abitazione.

Dunque: risparmio in termini di spazi occupati, tutela architettonica dell’edificio, no alle emissioni di aria verso il suolo pubblico.

Ne esistono di due tipologie diverse:

  • quelli fissi, che necessitano la creazione di fori nel muro per il loro buon funzionamento;
  • quelli portatili, che non richiedono opere murarie e che possono essere facilmente trasportati all’interno della casa, da una stanza all’altra.

Leggi anche: "Temperatura consigliata aria consigliata in casa"

Costi e installazioni dei condizionatori senza unità esterna

Le modalità di installazione di questo genere di condizionatori, seppur per alcuni versi simile a quella dei climatizzatori tradizionali, risulta essere meno tecnica e più rapida

Per la scelta della posizione, che potrà essere sia una zona alta che in una bassa, sarà importante:

  • seguire le indicazioni relative alle distanze minime dai muri perimetrali e dal soffitto,
  • l'installazione lontana dagli altri elettrodomestici di casa,
  • in caso opere murarie, rivolgersi a personale esperto, in modo che non si creino danni ai muri e agli impianti elettrici.

Per l’installazione:

  • fissare alla parete la staffa di supporto data in dotazione insieme al condizionatore,
  • praticare due fori alla parete del diametro di circa 16 cm,
  • posizionati all’interno di ognuno di essi le griglie pieghevoli (sempre in dotazione) che generino una certa armonia con il resto dell’abitazione.

Per ciò che concerne i costi di questo tipo di condizionatori, come per qualsiasi altro tipo di prodotto, il mercato è in continua evoluzione e con lui anche i prezzi che mutano in base alle dimensioni dell’apparecchio, alla potenza e al design. Si parte dai 500 euro, fino ad arrivare agli oltre 3000 euro. Ovviamente, se si ha bisogno di un impianto che climatizzi la casa per tutto l’anno, meglio puntare su un investimento affidabile, che duri nel tempo, se al contrario si intende climatizzare una sola stanza, e solo per alcuni periodi, si potrà optare per un prodotto più economico.

Leggi anche: "Differenza tra aria condizionata e aria climatizzata"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso