27 Luglio Lug 2018 1330 27 luglio 2018

Come venire bene in foto al mare

  • ...

L’estate è quel periodo piacevole che permette a tutti di rilassarsi in riva al mare e coi piedi immersi nella sabbia finissima. Il mare, però, non è solo lo scenario perfette in cui godersi i momenti di totale relax, ma è altrettanto magnifico come set fotografico per le proprie foto da vacanza estiva.

La luce al mare

Con tutta la luce che irradiano il sole e l’acqua del mare, può sembrare scontato che le foto qui vengano benissimo, ma in realtà è l’effetto contrario. Il problema di scattare delle foto al mare infatti, è dovuto dal fattore che il sole molto forte provoca sulla foto, ombre dure e colori alterati, ovvero diversi da ciò che appaiono in realtà, senza dimenticarsi che con il sole a picco il soggetto automaticamente strizzerà gli occhi per proteggersi dalla troppa luminosità, rendendo così il ritratto poco efficace.

Leggi anche: Macchine fotografiche usa e getta dove comprarle

Come fare le foto al mare

Come detto in precedenza, scattare foto al mare non è un’operazione semplice da attuare, ma con pochi suggerimenti le foto al mare diventeranno bellissime e degne di un servizio fotografico!

  • A causa del problema che potrebbe esserci di trovarsi a fotografare con troppa luce con risultati non proprio soddisfacenti, il momento migliore per scattare è la mattina verso le 10 e nel pomeriggio tra le 16 e le 17. È meglio evitare di scattare foto all’alba perché assumeranno una tendenza bluastra, mentre al tramonto tenderanno più sulle sfumature del rosso. Quando il tempo è nuvoloso, si avrà la condizione ideale per le proprie foto, o magari scattarle sotto l’ombrellone o all’ombra di un albero.
  • Il soggetto deve avere il sole a tre quarti per ottenere maggiore tridimensionalità, mentre è da evitare avere il sole di spalle per evitare che la persona diventi una semplice sagoma nera sullo sfondo del mare e del sole.

Leggi anche: Dove andare in vacanza in Italia spendendo poco

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso