17 Agosto Ago 2018 1114 17 agosto 2018

Nichel, dove si trova

  • ...

Simile al ferro, il nichel è un metallo molto diffuso nell’ambiente. Di colore grigiastro, in linea generale, risulta poco tossico ma, ultimamente, sempre più si sente parlare di persone allergiche al nichel.

Leggi anche: "Sintomi allergia al nichel"

Nichel, la presenza nel corpo umano

Il nichel è dunque un noto metallo, rinvenuto anche all’interno del corpo umano. Nonostante si tratti di piccole quantità, una sua eventuale carenza potrebbe provocare incresciose conseguenze.

La presenza di nichel è registrata in particolare all’interno delle ossa e del pancreas, mentre tracce sono state individuate anche nella saliva, nel sudore e nei liquidi sierosi. Ad ogni modo nel complesso si calcola un quantitativo massimo di 1mg di nichel all'interno dell'organismo.

Leggi anche: "Cosa sono le tossine"

Il nichel negli oggetti

Il nichel è impiegato per la produzione della maggior parte degli oggetti di uso quotidiano: dalla bigiotteria, all'abbigliamento, dai gadget personali, all'oggettistica varia.

Tra questi:

  • prodotti di bigiotteria
  • l’oro bianco e quello a 9 carati​
  • orologi,
  • cellulari
  • maniglie
  • bottoni
  • stoviglie
  • pentole
  • accendini
  • alcune monete
  • forbici
  • aghi
  • coloranti
  • materiale elettrico
  • ceramiche
  • parti metalliche di occhiali
  • tinture per capelli e prodotti per le permanenti.
  • shampoo
  • prodotti di make up
  • smalti (colore verde in particolare)

L’utensileria in acciaio inox di norma non crea invece nessun problema.

Leggi anche: "Il più pesante dei metalli"

Il nichel negli alimenti

Il nichel, però, si trova anche negli alimenti che vengono assunti ogni giorno. Non è però possibile stabilire il contenuto di nichel in essi, dato che la presenza del nichel, non deriva dalla composizione del singolo alimento, ma dall’utilizzo di questo metallo sia nella terra che nelle tecniche di conservazione o lavorazione.

Leggi anche "Quali alimenti contengono metalli pesanti"

Ciò avviene perchè il nichel, presente nella strumentazione e nell'utensileria da cucina può essere rilasciato nei cibi a causa di una reazione all'ambiente acido o per attrito meccanico. Il nichel è perciò contenuto negli alimenti sotto due forme: come costituente biologico e come inquinante.

In particolare gli alimenti che ne presentano un contenuto elevato sono:

  • il cacao
  • la liquirizia
  • alcuni crostacei
  • i cereali interi e integrali, principalmente avena, grano saraceno e miglio
  • gran parte dei molluschi
  • pomodori e ortaggi (cavolfiore, asparagi, carote, cicoria, finocchi, broccoli, cavoli ecc..)
  • la maggior parte dei legumi
  • noci e nocciole
  • alcuni tipi di latticini, come formaggi fusi, formaggini, yogurt al malto o ai cereali e panna montata
  • alcuni tipi di dolci, come il marzapane e tutto ciò che contiene cacao o cioccolato, birra o vino rosso
  • gli oli idrogenati e tutti gli alimenti raffinati e lavorati industrialmente, in modo particolare i cibi in scatola

Leggi anche: "Come disintossicarsi dal nichel"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso