16 Novembre Nov 2018 1808 16 novembre 2018

Come dividere un appartamento

  • ...

La pratica del frazionamento immobiliare consiste nella suddivisione di un’unità immobiliare in una o più unità distinte.

Tale pratica è più frequente di quanto ci si possa aspettare e le cause possono essere varie: le esigenze familiari per figli che se ne vanno di casa o la tutela dell’indipendenza degli stessi figli, le motivazioni economiche che portano a guadagnare dalla vendita di due piccoli appartamenti piuttosto che di un solo grande appartamento o semplicemente il desiderio di affittare parte della prima casa per avere un’entrata extra.

Scopri come affitare casa senza rischi

Le pratiche per il frazionamento immobiliare

In ogni caso, il frazionamento immobiliare è regolato da alcune precise procedure amministrative. Fino a pochi anni fa le pratiche erano piuttosto lunghe e complesse, in quanto richiedevano il passaggio per un Permesso di Costruire. Oggi, grazie al decreto Sblocca Italia del 2014, è tutto molto più semplice e veloce, in quanto basta modificare le definizioni degli interventi di manutenzione straordinaria.

Gli interventi di frazionamento o di accorpamento delle unità immobiliari vanno dunque aggiunti agli interventi di manutenzione straordinaria dichiarati nei documenti di pertinenza, a patto che la volumetria precedentemente esistente rimanga immutata e che la destinazione di utilizzo rimanga ugualmente invariata: gli uffici dovranno rimanere uffici, mentre le abitazioni dovranno restare tali.

Prima di qualsiasi intervento andranno presentati una Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata e una Segnalazione Certificata di Agibilità. Una volta depositati tali documenti, sarà possibile procedere subito con i lavori, a patto che si siano già trovati tecnici abilitati a cui affidare il lavoro. Ogni modifica va infatti attestata e deve essere rilasciata la classica certificazione di conformità dell’intervento, che varia a seconda del tipo di lavoro richiesto. È sempre obbligatorio partire da un grafico di progetto e aggiornare il catasto a modifiche ultimate, incombenza che spesso spetta proprio ai tecnici assunti.

Leggi anche la guida "acquisto prima casa da costruttore"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso