18 Maggio Mag 2018 1203 18 maggio 2018

Mal di pancia cosa fare

  • ...

Comprendere i segnali dell’organismo umano spesso risulta difficoltoso, soprattutto se si ha a che fare con un dolore generalizzato, che colpisce più zone del corpo, come spesso accade per il mal di pancia.

Questo disturbo, comune come il mal di stomaco, colpisce bambini, adulti ed anziani indistintamente ed è un fastidio che si può ripresentare molto spesso durante il corso della vita.
Chi ne soffre deve tenere presente alcune variabili che possono far capire la gravità della sofferenza e le possibili soluzioni di cura. Se i classici antidolorifici, come il Ketoprofene o Paracetamolo, non riescono ad alleviare il dolore, è indispensabile ricevere un consulto che riesca ad arrivare alla base del problema.

Fattori da tenere presente per comprendere la gravità del dolore addominale

  • Localizzazione del dolore ovvero dove è irradiata la dolenza, se circoscritta ad un solo punto oppure in una zona più ampia del corpo. Questo fattore può far comprendere meglio la nascita del problema: se il dolore è racchiuso in determinate zone del corpo, può essere compreso e trattato con specifiche terapie, mentre se allargato a più parti, potrebbero essere necessarie delle analisi di laboratorio specifiche come le analisi delle urine e delle feci.
  • Modalità di percezione del dolore, se si presenta con fitte, crampi oppure con senso di pesantezza e malessere generale. E' necessario conoscere il proprio corpo, soprattutto quando invia segnali di allarme. Se il fastidio alla pancia comporta dolori mai provati, sarà opportuno fare luce con una visita immediata da uno specialista che capirà la gravità della situazione ed adotterà le scelte più opportune da seguire.
  • Intensità e durata del fastidio, se è un episodio che si ripropone spesso oppure un sintomo periodico. Solitamente le fitte che comportano il dolore addominale si ripropongono con una certa frequenza. Se i crampi e le fitte diventano più costanti, dando percezione peggiorativa del disturbo, è possibile che si sia alle prese con coliti o coliche renali e quindi trattabili con terapie ambulatoriali.

I sintomi del mal di pancia

​I sintomi del mal di pancia possono variare e non sempre sono localizzati in un punto esatto del quadrante lombare. Alla base è necessario capire se oltre a questi dolori vi sono altri fastidi collegati come nausea, vomito, meteorismo, inappetenza… e cercare di comprendere, secondo ai propri stili di vita, il perché è subentrato questo tipo di fastidio. Per le donne, ad esempio, il mal di pancia può essere dovuto a fasi del ciclo, come il pre mestruo, una fase che richiama molti disurbi presenti anche durante le mestruazioni.

Leggi anche “Quali sono i rimedi per il mal di pancia da ciclo

Tipologia del dolore

Se il dolore non deriva da un’influenza intestinale oppure da una indigestione, ma si presenta come un fastidio mai provato, è opportuno contattare il proprio medico, che grazie ad una visita accurata, riuscirà a capire l’entità del problema.

È necessario comprende dove si localizza l’acuità del dolore e tenere presente che possa riguardare pareti dell’intestino dove sono insediati organi particolari come l’appendice, che quando si infiamma provoca dolori al basso ventre in direzione del quadrante destro fino all’ombelico.

Leggi anche "Quali sono i sintomi dell'appendicite"

Cause del mal di pancia

Negli episodi più comuni, il mal di pancia deriva da scorretti stili di vita come un’alimentazione non propriamente sana, stress in accumulo, sforzi fisici eseguiti, o semplicemente colpi di freddo o sintomi influenzali.

Le cause del mal di pancia possono quindi essere molteplici: anche una comune stitichezza può comportare uno fastidio addominale che si presenta per la difficoltà di espellere le feci.

Altra causa comune è la gastroenterite, chiamata comunemente influenza addominale, che comporta nausea, vomito, diarrea e talvolta febbre.

Quando andare dal medico

Andare dal medico di base potrebbe essere utile se si vuole capire da dove provenga il dolore e quale tipo di infiammazione lo abbia scatenato, ma il paziente per avere una cura mirata deve sapere come descrivere le proprie sensazioni cercano di riconoscere e descrivere i propri sintomi, per arrivare ad una diagnosi corretta ed una cura appropriata.

I sintomi più allarmanti di un mal di pancia potrebbero essere:

  • La forte intensità del dolore addominale che diviene ingestibile e insopportabile
  • Del sangue nelle feci, specialmente quando vi sono delle scariche dissenteriche
  • Se il dolore si diffonde a più parti del corpo ed è collegato a difficoltà motorie che impediscono il movimento
  • Se il dolore persiste per più giorni e non si hanno sintomi evidenti che portino a comprendere dove da dove possa nascere.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso