23 Luglio Lug 2018 1646 23 luglio 2018

Pillola abortiva ru486, dove comprarla

  • ...

L'aborto volontario, detto anche IVG, consiste nella rimozione dell'embrione o del feto, che in Italia è possibile eseguire entro i primi 90 giorni della gravidanza stessa. Esso avviene su diretta richiesta della donna per ragioni non mediche.

Sarà in ogni caso indispensabile prendersi del tempo e pensare bene, facendo però attenzione a non far trascorrne troppo di tempo, in quanto, l’aborto in fase precoce comporta meno rischi.

Leggi anche: "Come superare un aborto volontario"

Aborto volontario: la pilla ru486

Due le opzioni disponibili per un'interruzione volontaria di gravidanza:

  • l'aborto medico, consistente nell'assunzione di una pillola abortiva (da non confondere con la pillola del giorno dopo), in due dosi, in genere intervallate da 24 /48 ore, che induce l’aborto spontaneo;
  • l'aborto chirurgico, che, eseguito tramite un piccolo intervento chirurgico appunto, permette in genere di tornare a casa poco dopo.

La scelta tra i due tipi di aborto è spesso presa in base allo stato di avanzamento della gestazione: la pillola abortiva è infatti consigliata nelle gravidanze alle prime settimane, l'aborto chirurgico nelle gravidanze più avanzate.

Per ciò che concerne la pillola abortiva, conosciuta anche come ru486, in realtà è solo una parte dell'aborto farmacologico, che utilizza invece due farmaci diversi, la Myfegine, che è la vera e propria ru486, e una prostaglandina, assunta due giorni dopo la prima pillola, finalizzata al completamento del processo abortivo, che avverrà nel giro di una settimana al massimo.

Pro e contro della pillola abortiva

L'aborto farmacologico con pillola abortiva ha enormi vantaggi rispetto a un aborto chirurgico:

  • è meno invasivo,
  • consta di un procedimento meno pesante fisicamente per la donna,
  • rende l'interruzione psicologicamente più sostenibile, grazie alla velocità del processo,
  • dà una maggiore consapevolezza fisica, una maggior presa di coscienza, visto che non prevede anestesie come l'aborto chirurgico.

Gli svantaggi sono invece relativi alle conseguenze e ai rischi dell'uso della pillola abortiva, come:

  • dolori prolungati al ventre,
  • nausea e vomito dopo l'assunzione,
  • perdite di sangue prolungate,
  • possibili controindicazioni come espulsione incompleta, che potrebbe portare a un aborto chirurgico con aspirazione.

Leggi anche: "Quando dura il capoparto dopo aborto"

Pillola abortiva ru486, non un medicinale da farmacia

Sono unicamente le strutture ospedaliere, tramite personale preparato, a poter somministrare la suddetta pillola. Vi è inoltre l’obbligo di ricovero dal momento in cui viene assunta, fino all'accertata interruzione di gravidanza. In farmacia la pillola abortiva non è dunque disponibile, l’interruzione infatti, come si è detto, avviene, come per l'aborto chirurgico, in ospedale.

A cambiare sono semplicemente le modalità, perché in questo caso non è necessario praticare alcun intervento chirurgico. Inoltre, come per l'interruzione tramite intervento chirurgico, in caso di minorenni, sarà indispensabile l’autorizzazione dei genitori.

Leggi anche: "Come prenotare un aborto in ospedale"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso