15 Giugno Giu 2018 1306 15 giugno 2018

Cosa fa il ministro degli Interni

  • ...

Da Alcide De Gasper, a Mario Scelbai, da Cossiga, ad Oscar Luigi Scalfaro, da Rosa Russo Iervolino, a Minniti: questi e tanti altri, i nomi che compaiono nella lista di coloro che hanno guidato il Ministero dell'Interno italiano, organo politico il quale, insieme al Ministero delle finanze, risulta essere stato pilastro fondamentale della costruzione dell'unità nazionale.

Leggi anche: "A chi spetta la nomina dei Ministri"

Ministero dell'nterno, cos'è

E' stato nel 1861, durante la costituzione dello Stato unitario, che, il Ministero dell'Interno ha iniziato progressivamente ad accentuare i propri poteri centrali.
La sua sede si trova attualmente, dal 1925, a Roma, nel Palazzo del Viminale. Prima di essere trasferito, risiedeva invece a Palazzo Braschi, sede che condivideva con la Presidenza del Consiglio, quest'ultima trapiantata nel 1961 a Palazzo Chigi.

Negli anni Novanta, con la Riforma Bassanini, fu realizzata una vasta riorganizzazione del sistema amministrativo e del ministero stesso, in particolare vennero costituiti i dipartimenti.

  • Dipartimento per gli Affari interni e Territoriali, per il controllo dei servizi demografici, della finanza locale e dei servizi elettorali e per le Autonomie.
  • Dipartimento delle Libertà Civili e dell'Immigrazione, concernenti le minoranze e gli affari di culto.
  • Dipartimento di Pubblica Sicurezza, che riguarda gli affari interni della Polizia di Stato e le politiche di prevenzione, la sanità e le risorse investigative.
  • Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile.
  • Dipartimento per le politiche del personale di amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie.

Vi sono poi gli uffici periferici, che si dislocano in maniera complessa a livello territoriale. I principali sono: le Prefetture, le Questure e i Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco.

Leggi anche: "Dove si trovano i Ministeri a Roma"

Funzioni del Ministro degli Interni

Regolate dal decreto legislativo 30 luglio 1999, nº 300 le principali mansioni del Ministero dell'Interno sono:

  • la garanzia della regolare formazione degli organi elettivi degli enti locali;
  • l'amministrazione e la rappresentanza del governo;
  • il controllo dell'ordine e della sicurezza pubblica mediante il coordinamento delle forze di polizia;
  • la gestione generale, nonché la rappresentanza generale, di governo sul territorio;
  • la tutela dei diritti civili, inclusi quelli delle confessioni religiose, di cittadinanza, di immigrazione e d'asilo

Leggi anche: "La lista dei Ministri del nuovo Governo Conte"

Salvini: il nuovo Ministro degli Interni



Arrivato alla camera grazie al voto di fiducia del Presidente del Consiglio Conte, dopo una mattinata al Viminale, Matteo Salvini è oggi il nuovo Vicepresidente del Consiglio nonché Ministro degli Interni.

I suoi primi propositi sono in materia di sicurezza ed immigrazione:

  • combattere il "dramma dell'abusivismo che colpisce commercianti e bagnanti", per garantire "spiagge sicure";
  • la lotta alla mafia e alla droga "senza se e senza ma";
  • il reinvestimento dei beni confiscati alle mafie;
  • accoglienza degli immigrati regolari e per bene, che scappano dalle guerre;
  • affrontare il problema dei migranti in giro per le strade, con la realizzazione di Centri per i rimpatri chiusi, e il prolungamento dei tempi di permanenza, in quanto tre mesi non sono sufficienti ad identificare i soggetti che meritano l'espulsione.

Leggi anche: "Migranti, Salvini promette <<convergenze>> con la Chiesa"

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso