15 Ottobre Ott 2018 1750 15 ottobre 2018

Chi elegge il presidente della Repubblica

  • ...

Le regole sancite dalla Carta Costituzionale per eleggere il presidente della Repubblica

L'attuale presidente della Repubblica è Sergio Mattarella. Nell'articolo 83 della Costituzione si trovano le regole da seguire per eleggere il preseidente della Repubblica.

Questo, essendo un organo costituzionale, viene eletto dal Parlamento tramite seduta comune, quindi sia dalla camera che dal senato. A questi si aggiungono i 58 delegati eletti dai consigli regionali (ciascuna regione ne presenta tre, tranne la Valle d'Aosta che na ha solo uno).

Solitamente i delegati regionali devo essere scelti in base al criterio di rappresentare le minoranze, quindi uno dei rappresentanti viene scelto nelle file dell'opposizione mentre i restanti due sono scelti nelle diverse cariche principali di ogni regione: presidente di regione, vicepresidente della giunta, presidenete del consiglio regionale o capogruppo del partito di maggioranza.

Il mandato del presidente della Repubblica ha durata di 7 anni. Inoltre, nella Carta Costituzionale si precisa che, qualsiasi cittadino o cittadina che abbia compiuto i 50 anni d'età può essere eletto preseidente, previa verifica che questi goda di diritti politici e civili.

Leggi anche ​Chi nomina il Presidente del Consiglio

Come si svolgono le votazioni

Quando l'assemblea è al completo ci saranno 1009 persone che dovranno votare per l'elezione del presidente. Di questi 321 senatori (più i 6 sentori a vita), 630 deputati ed i 58 delegati regionali.

Le votazioni avvengono nella camera dei deputati a palazzo Montecitorio. L'assemblea è presieduta dal presidente della camera in carica. Le votazioni sono segrete e seguono un ordine: prima i senatori, poi i deputati ed infine i delegati regionali.

Il presidente della camera ha il compito di fare lo spoglio delle schede con lettura ad alta voce dei nomi candidati. L'elezione risulta valida nel momento in cui c'è la maggioranza dei due terzi (672 voti) nei primi tre scrutini.

Dal quarto scrutinio in poi è necessaria la maggioranza del 50% più un voto (505 voti).

Leggi anche ​Come si vota il Presidente della Repubblica

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso