28 Maggio Mag 2018 0842 28 maggio 2018

Tidal come funziona

  • ...

Tramontata già da diverso tempo l'era della musica sui supporti fisici, quella digitale, ne ha preso innegabilmente il sopravvento. Con essa la reperibilità di qualsiasi canzone passi per la testa è istantenea, grazie a servizi gratuiti, e non, come: Google Play musica, Spotify, Deezer , nonché il nuovo Tidal, la piattaforma di musica in streming diponibile ora anche in Italia.

Leggi anche: "Alternative a Spotify"

Tidal: una grande novità

La nascita Tidal, una grande novità!!!

A gestire la nuova piattaforma di musica in streaming, non è una casa discografica o una compagnia tecnologica, bensì una serie di musicisti, 16 per l'esattezza, che hanno dato inizio ad una nuova era (come affermato da Alycia Keys, la fruizione di musica ritorna nelle mani di chi la produce). Difatti, per essere esatti, Tidal è un prodotto di Aspiro, società svedese recentemente acquistata da Jay Z, marito di Beyonce, pare per 56 milioni di dollari.

Presentata nel marzo del 2015, tra gli artisti che ne fanno parte, accanto alla già citata Alicia Keys, figurano: Beyonce, Madonna, i Cold Player, Kanye West, Daft Punk, Calvin Harris.

Leggi anche: "Tidal, la prima piattaforma musicale di proprietà degli artisti"

Come utilizzare Tidal

Per usufruire della nuova piattaforma di musica in streaming, sarà necessario pagare un abbonamento mensile, così da avere accesso illimitato al suo database, dal quale, la musica potrà essere ascoltata anche in modalità offline. Per la precisione, la musica potrà essere riprodotta, una per volta in modalità streaming e su un massimo di tre dispositivi in modalità offline.

Le modalità di abbonamento mensili disponibili sono:

  • Tidal premium, che offre musica, in qualità standard al costo, di 12,99 al mese
  • Tidal Hifi per un costo di 25,99 euro al mese, attraverso la quale sarà possibile ascoltare musica di elevata qualità, senza alcuna compressione

Con 25 milioni di brani attualmente disponibili, i creatori puntano sulla qualità, non più formato file mp3, ma FAC, che consente una compressione 'lossless', ossia senza perdite, il più fedele possibile a quella di un compact originale.

Per la configurazione del proprio account Tidal esiste, sia la versione online, alla quale si può accedere direttamente dal broswer, sia le varie applicazioni per dispositivi mobili e desktop, tutti utilizzabili da pc o damac.

Per registrarsi sarà possibile l'utilizzo del personale indirizzo di posta elettronica, del proprio account Google o di quello Facebook, seguendo le indicazioni per il login e scegliendo il metodo di pagamento che si preferisce.

Con Tidal è possibile inoltre, non solo l'ascolto di musica, ma anche la creazione di playlist, nonché di aree preferite suddivise per artisti, brani o album, dotate anche di originale playlist proposte dalla stessa redazione di Tidal.

Leggi anche: "Come ascoltare musica da youtube in background android"

Tidal: le sue sorti

Nonostante l'alta qualità della musica offerta, Tidal, non sembra navigare in buone acque; lo dimostrerebbe il fatto che rimane comunque di gran lunga meno popolare dei suoi concorrenti. Si è potuto facilmente constatare, d'altronde, che Tidal dopo aver raggiunto il picco di abbonati nel momento di uscita di un disco o di un brano famoso in esclusiva, subisce subito dopo un calo repentino di 'seguaci' , nel giro di qualche giorno. Forse il vero problema sta nel fatto che Tidal risulta essere una piattaforma creata da artisti e destinata ad altrettanti artisti e non pensata per la gente comune.

Leggi anche: "Cosa è successo a Spotify"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso