19 Giugno Giu 2018 2120 19 giugno 2018

San Vito Lo Capo cosa vedere

  • ...

San Vito Lo Capo è un piccolo comune della Sicilia, nella provincia di Trapani. È una località piuttosto rinomata per il turismo balneario e le sue spiagge sono sempre la meta preferita di moltissimi villeggianti. San Vito ha un clima mite anche durante i mesi invernali ed è un centro molto amato della Sicilia Occidentale, a pochi passi dalla Riserva Naturale dello Zingaro. Destinazione prediletta dai turisti di ogni angolo del globo, grazie all’atmosfera mediterranea, ai paesaggi naturali e alla vivace vita culturale del paese.

Lo splendore del panorama

San Vito attrae tanti turisti sia per le bellezze paesaggistiche che per le tracce tangibili della sua lunga storia. Impossibile non visitare i tre chilometri di spiaggia bianca, ai piedi del promontorio del Monte Monaco. Su un tratto di costa incontaminata si trova la Baia di Santa Margherita, fra le frazioni di Castelluzzo e Macari, dove le colline si alternano alle falesie e alle alture. E ancora la Piana dell’Egitarso, una striscia di terra da cui si può godere lo spettacolo dell’intero panorama di San Vito e delle spiagge. Altri punti strategici da cui ammirare l’orizzonte sono la Caletta del Bue Marino e il Belvedere di Macari.

L’architettura di San Vito

Tra le bellezze architettoniche, nel cuore pulsante del paese si trova la piazza con il nobile Santuario-Fortezza. Un tempo il suo scopo era di difendere i cittadini dagli attacchi dei pirati, mentre oggi custodisce un Museo di arredi sacri. All’ingresso del centro abitato si erge la piccola Cappella moresca di Santa Crescenzia, nutrice del patrono San Vito. Il Faro voluto dai Borboni per difendere le navi è uno dei simboli tipici del borgo, assieme alla torre a base circolare detta il “Torrazzo”, anche questo eretto a scopo difensivo. Utilizzata più volte come set televisivo, la Tonnara del Secco, anche se abbandonata, resta uno dei punti più ricchi di fascino del piccolo centro siciliano.

Leggi anche spiagge meno affollate della Sicilia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso