15 Ottobre Ott 2018 1110 15 ottobre 2018

Madagascar cosa vedere

  • ...

Collocata nell’Africa Meridionale, a largo delle coste del Mozambico, si espande una delle quattro isole più grandi del Mondo: il Madagascar.

Alla scoperta del Madagascar

Famosa per la varietà uniche di specie animali e vegetali, questa terra insulare ha molto da far conoscere, grazie anche al fiorente sviluppo economico dato da importanti giacimenti di minerali, ferro e petrolio.

Il settore turistico, negli ultimi anni, ha conosciuto un forte sviluppo richiamando ogni anno circa 500.000 viaggiatori da tutto il Mondo.

Purtroppo, problemi come l’instabilità politica e la forte povertà degli abitanti hanno fatto rallentare investimenti del settore terziario che risente di insufficienza della rete stradale e ferroviaria.

Tuttavia, le bellezze del Madagascar sono uniche e rare e programmare un viaggio in questa terra esotica sarà la miglior scelta per gli appassionati delle biodiversità.
Fortemente consigliato un tour guidato con persone esperte che sappia far conoscere le migliori attrazioni lontano da luoghi no limits o da strade pericolose.

L’isola del Madagascar è lunga oltre 1500 km, quasi quanto la penisola italica e proprio per la sua distribuzione lungo varie latitudini, il clima è diverso e molto variabile da regione a regione.

Leggi anche “Clima del Madagascar

Foreste pluviali, praterie montane e boscaglie, foreste di mangrovie e deserti aridi, sono tutte ecoregioni dell’isola, riconosciute e preservate dal WWF che da anni protegge le biodiversità e le varietà territoriali simbolo del Paese.

Guarda anche: "Madagascar:droni per prevenire il disastro ambientale"

I Tour del Madagascar

La vacanza in Madagascar può essere programmata in base alle proprie necessità: è infatti possibile organizzare un viaggio all’insegna del relax e del divertimento, con località come Nosy Be, un’isola a nord ovest della costa che offre un mare invidiabile e tutto il meglio dell'offerta turistica.

Leggi anche "Quando andare a Nosy Be"

Altra opzione è la programmazione di un tour guidato del Madagascar, solitamente pianificato prima della partenza. I tour guidati sapranno far scoprire la natura incontaminata dell’isola con possibilità di addentrarsi in riserve come quella del Parco Nazionale di Ranomafana, famoso per le ben 12 specie di lemuri, animali endemici che abitano la foresta pluviale.

Altro sito di noto interesse è la Route National 8, chiamata anche la Baoban Avenue. Attraverso questo percorso, solitamente compiuto con un fuoristrada, è possibile ammirare un lungo viale fatto di alberi che hanno più di 500 anni. Il percorso è consigliato al crepuscolo, momento migliore per cogliere i giochi di luce e ombra dei Baobab che creano colori straordinari sul terreno.

Infine si consiglia una visita al Parco Nazionale di Isalo, ecosistema molto simile alla savana con canyon, paesaggi desertici e massicci rocciosi. Anche qui si trova una varietà faunistica invidiabile: boa, camaleonti, uccelli tipici come il nibbio del Madagascar…sono tutte specie tipiche del territorio. In questo sito sono molto conosciute le piscine naturali di acqua calda, i numerosi ruscelli e la varietà del paesaggio che cambia continuamente con deserti che spuntano in angoli improbabili e corsi d’acqua che si fanno strada tra una vegetazione rigogliosa e colorata.

Le spiagge più belle del Madagascar

Se invece, il viaggio in quest’isola ha il sapore di salsedine e latte di cocco, la guida Alpitour indica l’isoletta a nord ovest del Madagascar come migliore meta per godersi un mare da sogno: si parla appunto di Nosy Be e di tutto l’arcipelago che attornia l’area nord dell’isola magascia.

Nosy Iranja ad esempio si collega a Nosy Be in presenza delle basse maree: un lembo di terra fa da collegamento tra le due isole e lo spettacolo è assicurato; spiagge deserte, mare da sogno e possibilità di fare sport d’acqua come snorkeling tra coralli e pesci che abitano la barriera.
Qui il mare si gode in pieno e il paradiso è alla portata di tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso