20 Novembre Nov 2018 0902 20 novembre 2018

Settore gdo cosa significa

  • ...

Spesso si sente nominare il termine GDO in ambito commerciale. Ma cosa significa?

Leggi anche Che cosa sono i Gruppi di Acquisto Sociale

La grande distribuzione organizzata

La grande distribuzione organizzata (da cui deriva l’acronimo GDO) è il sistema di vendita a dettaglio nei supermercati a cui fanno riferimento tanti piccoli distributori privati di varia natura.

La Grande Distribuzione si compone di molti punti vendita controllati da un’azienda madre, come ad esempio, Coop, Panorama, Esselung ecc… oppure può presentarsi come associazione tra commercianti che in base ad accordi prestabiliti si uniscono al fine di abbattere i costi e raggiungere più consumatori finali(catena distributiva).

La distribuzione in questo sistema vede coinvolti quattro attori principali:

  • i produttori: aziende di produzione diretta
  • i grossisti: che acquistano dal produttore per vendere ai dettaglianti
  • i dettaglianti: insieme di marchi organizzati sotto forma di catene che vendono direttamente al consumatore finale
  • il consumatore finale.

Leggi anche la guida su come risparmiare sulla spesa

Quando è nata la GDO?

I primi passi verso la grande distribuzione organizzata si fecero già nel 1830 in Francia con la nascita dei Magasins de Nouveautés. I pionieri dei grandi magazzini moderni furono Le Bon Marche e i magazzini del Louvre a Parigi, seguiti da Macy’s a New York che ampliò ancora di più le superfici di vendita.

Per i supermercati, invece, bisogna aspettare il 1916 quando, a Memphis, Clarence Saunders aprì il Piggly Wiggly Store.

In Italia il primo esempio di GDO nasce nel 1957 a Milano dalla società Supermarkets italiani (prima Esselunga poi Billa).

Leggi anche: Come lavorare per Coop

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso