22 Maggio Mag 2018 1002 22 maggio 2018

Infortunio sul lavoro cosa fare

  • ...

Farsi male sul posto di lavoro è un evento spiacevole sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista pratico: il lavoratore, in caso di infortunio, oltre a doversi occupare del proprio stato di salute deve procedere alla compilazione delle apposite pratiche per ricevere l'indennità prevista. Ecco come fare per non impazzire dietro alla burocrazia e ottenere le proprie spettanze nei tempi giusti e senza intoppi.

Leggi anche "Infortunio sul lavoro: chi paga"

Infortunio sul lavoro: l'INAIL

Innanzitutto è bene chiarire che, in caso di infortunio sul posto di lavoro, l'INAIL è tenuta ad erogare al lavoratore dipendente un'indennità sostitutiva della retribuzione per i giorni in cui si è costretti ad assentarsi dal lavoro se la prognosi supera i 3 giorni. L'INAIL considera l'infortunio sul lavoro un evento improvviso e violento che avviene in situazioni e orari lavorativi e che causa una inabilità permanente o temporanea al lavoro.

Per chi non lo sapesse, l'INAIL è l'Istituto Nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro: si tratta di un ente pubblico sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Italiane. L'INAIL subentra nell'erogazione dell'indennità di infortunio solo quando questo supera i tre giorni di prognosi: nel caso di una durata inferiore, è il datore di lavoro ad occuparsi dell'erogazione delle quote relative ai giorni di infortunio.

Infortunio sul lavoro: cosa fare

Nella quotidianità di un qualsiasi lavoratore possono verificarsi abbastanza spesso casi di infortunio e, nel caso in cui non potesse rientrare al lavoro riprendendo la sua normale attività per più di tre giorni, il lavoratore stesso ha diritto a ricevere un indennizzo per il periodo di inabilità temporanea assoluta (inclusi i giorni festivi). L'infortunio sul lavoro, infatti, è coperto da una assicurazione obbligatoria che prevede il risarcimento, la retribuzione come indennità sostitutiva in caso di incidente violento (che causi conseguenze gravi come morte o inabilità permanente).

Per richiedere l'indennità INAIL e la retribuzione in caso di infortunio sul lavoroè necessario seguire una specifica procedura e anche il datore di lavoro ha l'obbligo di presentare denuncia di infortunio entro due giorni dall'evento. Per prima cosa, il lavoratore infortunato dovrà comunicare l'avvenuto incidente al datore di lavoro, recandosi successivamente al Pronto Soccorso dove verrà rilasciato un certificato medico da inviare al datore di lavoro: questo dovrà essere inviato in via telematica all'INAIL se la prognosi supera i 3 giorni. Allo scadere della prognosi, il lavoratore dovrà recarsi all'INAIL per la visita medica di controllo e il rilascio di un certificato medico che attesti la completa guarigione o, in caso contrario, prolunghi l'infortunio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso