13 Agosto Ago 2018 1519 13 agosto 2018

Come pulire le seppie

  • ...

Pulire le seppie è un procedimento semplice e fondamentale per la preparazione di alcuni piatti.

Leggi anche:" Qual è il pesce più magro da mangiare"

Cosa serve per pulire le seppie

Per la pulizia delle seppie occorrono:

  • seppie;
  • un tagliere abbastanza grande;
  • un coltello affilato;
  • un paio di forbici da cucina;
  • un paio di guanti in lattice e una mascherina se l’odore del pesce provoca fastidio.

Come fare a pulire le seppie

Il primo procedimento per la pulizia delle seppie è il lavaggio del mollusco, sotto l’acqua corrente fredda; eliminare, poi, l’osso centrale, chiamato osso di seppia, con le dita.

Tagliare le teste delle seppie con le forbici, ed eliminare gli occhi , il becco e risciacquare sotto l’acqua corrente sempre fredda, per eliminare l’eventuale inchiostro presente.

Togliere le interiora (le sacche con l’inchiostro e quelle gialle), buttarle via. Eliminare, con le mani, la pelle dalla carne delle seppie, sollevando il lembo di pelle e toglierla in un colpo sole, sciacquare sotto l’acqua corrente.

Dopo aver finito con la pulizia delle seppie, metterle in uno scolapasta e farle scolare dall’acqua in eccesso.

Potrebbe interessarti." Come pulire i gamberi freschi"

Consigli utili sulla pulizia delle seppie

È possibile conservare in frigorifero la sacca contenente l’inchiostro, in una ciotola per un massimo di due giorni, per utilizzarla per la preparazione di alcune pietanze.

Leggi anche:" Chef Tomei: piatto del carnevale? Riso alle seppie alla Darsena"

Non conservare a lungo le seppie, ma utilizzarla subito dopo l’acquisto, in alternativa è possibile conservala in frigorifero per un massimo di 2 giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso