30 Ottobre Ott 2018 2250 30 ottobre 2018

Come spannare i vetri della macchina

  • ...

I finestrini dell’auto appannati nelle fredde giornate d’inverno possono essere motivo di divertimento per i bambini e gli innamorati. Diventano però un pericolo per il conducente dell’auto specie se è il vetro del parabrezza ad essere interessato dalla condensa.

La Polizia di Stato ricorda, infatti, che la scarsa visibilità influisce particolarmente sulla sicurezza alla guida.

Leggi anche: “I limiti di velocità in autostrada con la pioggia

Spannare i vetri in sicurezza

Quante volte ci si è domandati perché si appannano i vetri, come non far appannare i vetri dell’auto e cosa fare in questi casi. Il primo istinto è di utilizzare un panno o le mani per ripulire o ancora di accendere l’aria fredda, ma in tutti questi casi lo sbalzo di temperatura tra il caldo dell’interno e il freddo dell’esterno non verrà colmato e il problema persisterà.

La prima cosa da fare in caso di vetri appannati è abbassare i finestrini per favorire un ricambio d’aria nella macchina. In alternativa si può accendere l’aria calda e direzionare le bocchette in corrispondenza del parabrezza.

In ultimo, può funzionare anche l’aria condizionata: più inquinante dei rimedi precedenti e che, nonostante emetta aria fredda, è secca e toglie l’umidità.

Metodi alternativi per spannare i vetri

Le automobili di ultima generazione sono dotate di dispositivi creati per spannare i vetri quali i lunotti termici e i vetri anti-appannaggio. In commercio ci sono spray che se spruzzati sui vetri creano una patina anti umidità.

Tuttavia, per chi ama seguire i suggerimenti della nonna lo stesso risultato pare si possa ottenere:

  • strofinando una patata e togliendo l’amido con un giornale;
  • applicando il detersivo per i piatti o una miscela di acqua e sapone da togliere con un panno quando asciutta;

Un metodo che ha spopolato sul web è certamente quello dei calzini con all’interno cristalli di silice (quelli della lettiera dei gatti) da depositare in auto per assorbire l’umidità in eccesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso