11 Settembre Set 2018 1100 11 settembre 2018

Come tornare al colore naturale dopo la tinta

  • ...

Sarà capitato a tutti, o quasi, almeno una volta nella vita di sottoporre la propria chioma ad un trattamento di colorazione, a volte per necessità, quando iniziano spuntare i primi capelli bianchi, altre per puro desiderio di rinnovare il proprio look.

Arriva un momento in cui però si desidera ritornare al colore naturale.

Leggi anche Come prendersi cura dei capelli ricci​

Tipologie di tinte

Esistono vari tipi di tinte per capelli e possono essere:

  1. vegetali
  2. metalliche
  3. temporanee
  4. sintetiche

Le tinte vegetali come suggerisce lo stesso nome vengono estratte da piante molto particolari.

Tra le sostanze più conosciute e usate si annoverano l’henné, che conferisce ai capelli un colore rosso ramato; l’azulene, una sostanza che si estrae dalla camomilla e che funge da riflessante per i capelli chiari; l’indaco, spesso associato all'henné per conferire ulteriori riflessi bruni.

Leggi anche Come si fa l'henné ai capelli

Le tinte metalliche sono formulate invece sulla base di sostanze che agiscono in modo lento e graduale sulla struttura dei capelli e vengono usate soprattutto sui capelli molto scuri.

Le tinte temporanee sono progettate per essere idrosolubili: ciò significa che lavando i capelli con lo shampoo, il colore andrà gradualmente via.

Infine le tinte sintetiche, le più comuni e più usate, sono permanenti. Esse agiscono grazie all’ossidazione e sulla penetrazione del colore nelle squame dei capelli.

Sos colore naturale dopo la tinta

Se si è optato per una tinta vegetale o temporanea, non servirà disperare troppo. La prima tipologia in particolare ha il doppio vantaggio di essere a basso rischio di irritazioni e di allergie e di scaricare il pigmento con l’acqua, sebbene non offra un’ampia gamma di colorazioni.

Se invece si è scelto una colorazione temporanea, basterà attendere qualche lavaggio per vedere ricomparire il colore naturale. Qualora dovesse rimanere qualche traccia di colore, recarsi dal parrucchiere e sottoporsi ad una pulizia dei capelli per eliminare ogni residuo riporterà la chioma al suo colore naturale.

Quando invece si sceglie una colorazione permanente, si va ad agire sulla struttura stessa del capello: il parrucchiere effettua una decolorazione dei capelli prima di procedere alla tintura vera e propria, motivo per cui non è possibile avere in modo immediato il proprio colore naturale.

È tuttavia possibile adottare delle tecniche per velocizzare questo passaggio. La scelta più saggia in questo caso è tingere i capelli di un colore che molto si avvicini a quello delle radici. In tal modo non ci sarà quel fastidioso distacco tra le radici e le lunghezze.

Leggi anche Come scegliere il colore di capelli in base alla carnagione

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso