9 Gennaio Gen 2019 1300 09 gennaio 2019

Prove urodinamiche cosa sono

  • ...

Se si hanno dei problemi al basso ventre o alla vescica di sicuro sarà opportuno sottoporsi a delle prove urodinamiche per accertare la natura dei fastidi.

Leggi anche: Cosa fare se non si riesce a urinare

L’esame urodinamico

Le prove urodinamiche sono dei test diagnostici che studiano e valutano le funzionalità di vescica e uretra durante i loro compiti di accumulo, trasporto e rilascio dell’urina.

Le prove urodinamiche si rendono necessarie in caso di incontinenza urinaria, minzione frequente o dolorosa, difficoltà di svuotare la vescica o infezioni del tratto urinario.

Esistono diversi tipi di esami tra cui i più diffusi sono:

  • uroflussometria: per misurare l’attività della vescica quando si svuota;
  • cistometria: per misurare le pressioni interne della vescica durante il riempimento;
  • elettromiografia: per misurare la spinta dello sfintere e dei muscoli perineali.

Leggi anche: Come fare urinocoltura

Dove fare le prove urodianmiche?

Per sottoporsi a questo tipo di esami è necessario rivolgersi a un urologo o a una ginecologa. Nella maggior parte dei casi però il medico di base indirizzerà il paziente verso un urologo, specialista nella diagnosi e trattamento di malattie che interessano l’apparato urinario maschile e femminile, nonché gli organi riproduttivi maschili.

Dopo l’esame può succedere che il paziente avverta bruciore dopo la minzione: questo è abbastanza frequente nelle 24 ore successive. Per le prove urodinamiche effettuate con uroflussometria e cistometria i risultati sono resi disponibili subito dopo il test. Per gli altri tipi di esame gli esiti saranno disponibili dopo alcuni giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso