24 Ottobre Ott 2018 1643 24 ottobre 2018

Modena e dintorni cosa vedere

  • ...

Vasco Rossi, uno che Modena e la sua Provincia le conosce benissimo essendo nato a Zocca, piccolo Comune situato a sud del capoluogo, e avendo infiammato nel 2017 la città con il suo splendido concertone al Parco Ferrari, in una sua canzone cantava “una splendida giornata…”, tale titolo è assolutamente adatto per descrivere ciò che può rappresentare una gita a Modena e nei suoi dintorni.

Infatti, visitando sia la città capoluogo di Provincia, conosciuta per i suoi famosi prodotti esportati in tutto il mondo quali l’aceto balsamico, il lambrusco e i salumi, sia alcuni luoghi e/o attrazioni intorno ad essa qualunque turista non può che rimanerne felicemente e piacevolmente coinvolto.

Leggi anche: "Dove mangiare a Modena".

Attrazioni di Modena

Modena è una città variegata ed elegante, un posto perfetto per chiunque cerchi una vacanza all’insegna della cultura e del gusto e all’interno del suo centro storico vi sono tanti monumenti e chiese che testimoniano il glorioso passato della città.

Imperdibile è certamente la Chiesa di Sant’Agostino, tra i maggiori luoghi di culto della città, situata nella piazza omonima, i cui interni sono caratterizzati da pregevoli affreschi e dall’intricato soffitto a cassettoni. La chiesa di sant’Agostino risale al secolo XIV ed è successivamente stata trasformata in pantheon dei duchi e delle duchesse d'Este.

Un’altra importante chiesa è quella di San Barnaba, situata sempre nel centro storico modenese. La chiesa è uno stupendo gioiello del barocco, dagli interni ed esterni ricchi di statue e suggestive architetture, testimonianza tangibile della lunga presenza degli Este nella città.

Tra gli angoli più accattivanti della città vi è Piazza di Santa Maria della Pomposa, con la sua stupenda chiesa romanica e la silenziosa fontanella. Nei pressi della piazza si possono ammirare splendide costruzioni rinascimentali e raffinati portici. Percorrendo via Farini ci si imbatte, invece, nello splendido Palazzo Ducale, il simbolo di Modena, che si apre su piazza Roma.

Il gioiello dell’architettura modenese è l’imponente Duomo in stile romanico, con la sua Ghirlandina che si affaccia su Piazza Grande, nel quale si possono ammirare le architetture esterne e interne, le cripte e le spoglie del santo.

Musei molto importanti della città sono la Galleria Estense, ricca di statue e opere pittoriche, curiosità e oggetti appartenuti alla potente famiglia degli Este e i Musei Civici, che custodiscono una raccolta delle opere artistiche prodotte durante tutto l’arco della storia della città. Un altro punto d’interesse meritevole di una visita è poi il Collegio di San Carlo, un'università per nobili fondata nel XV secolo.

Modena è senza dubbio una città in cui dedicarsi anche allo shopping e al tempo libero. La principale via dello shopping è la via Emilia. Su questa arteria si trovano tutte le migliori boutique della città, come anche nella centrale via del Taglio, e via Farini. Per gli amanti dell’artigianato, a Modena vi sono anche tante botteghe e mercatini vintage: ad esempio su via Carteria e nel mercato all'aperto di via Albinelli.

Per gli amanti del divertimento e delle uscite serali, Modena offre tanto movimento, eventi e locali di tutti i tipi. Molti locali e ristoranti si trovano in piazza Pomposa, ma anche nella non distante piazza Mazzini, un punto di riferimento per la movida notturna.

Cosa visitare nei dintorni del capoluogo

Prima di tutto è consigliata una visita al parco dell’Appennino modenese e al parco regionale dei Sassi di Rocca Malatina: nell’area verdeggiante dell’Appennino modenese si può infatti scegliere di passeggiare alla scoperta del caratteristico Borgo dei Sassi, concedendosi una facile escursione per ammirare queste vere e proprie guglie di roccia arenaria dove il vero re è il falco pellegrino. Nel parco dell’Appennino si possono visitare anche numerosi laghi, tra cui spicca il meraviglioso lago Santo.

Vi è poi il Museo Enzo Ferrari a Maranello, luogo che nella geografia mondiale è associato al cavallino rampante della Ferrari. Nel museo è presente una galleria di bolidi dagli anni 40 ad oggi e un simulatore per mettersi nei panni dei piloti di Formula Uno.

Leggi anche: "Come lavorare alla Ferrari".

Si può scegliere poi di visitare Fontanellato, borgo bandiera arancione del Touring Club Italiano, i suoi imperdibili interni e il suo fossato dentro cui “galleggia” una possente rocca, con le mura spesse e massicce, le torri, i merli e i bastioni. E’ possibile godersi il relax seduti a tavolino nella piazza, all’ombra dei portici, magari degustando la caratteristica di “torta fritta” accompagnata da fettine di culatello e da un calice di buon lambrusco.

Vicino a Modena da non perdere vi è anche Castelvetro, con il suo pavimento a scacchiera circondato da torri, chiese e palazzi antichi. Il borgo è splendido e anch’esso è bandiera arancione del Touring Club Italiano grazie alle sue bellezze architettoniche e artistiche e al meglio dell’enogastronomia del territorio: l'aceto balsamico tradizionale, il lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOP, e il Parmigiano Reggiano.

Infine è consigliata anche una visita a Vignola, non molto lontana, il borgo da cui arrivano alcune tra le migliori ciliegie d’Italia, le “morette” di Vignola, tutelate dal 2012 come prodotto IGP.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso