26 Ottobre Ott 2018 1912 26 ottobre 2018

Dove dormire a Valencia

  • ...

I quartieri che compongono nell’insieme la città di Valencia si diversificano fra loro tanto da poter essere considerati parti di un puzzle che rendono questo luogo accattivante per le diverse atmosfere capaci di evocare.

Alcune aree rispetto ad altre meritano di essere nominate in quanto custodiscono la gran parte delle attrazioni oltre che dei locali notturni, cosicché si possa alloggiare nel posto giusto, soprattutto se si ha la possibilità di pernottare solo per un periodo breve.

Innanzitutto ci si deve domandare se si desidera una vacanza balneare o una villeggiatura immersa nel fascino storico della città.

Leggi anche: Sos Méditerranée: Crociere? Chi lo dice lo provi sulla sua pelle

Il centro storico

Il centro storico si chiama Ciutat Vella e all’interno d’esso si raggruppano le principali attrazioni di Valencia come i musei e i monumenti, gli edifici medievali e le piazze esuberanti.

Sicuramente questa zona è il luogo migliore dove pernottare se si visita questa città per la prima volta. Ci sono varie sistemazioni, dagli hotel di lusso a pensioni a prezzi vantaggiosi.

Esistono anche alberghi ottenuti da edifici antichi che renderanno la vacanza più particolare.

Tra i vicoli medievali e la vita notturna

Barrio del Carmen è un quartiere molto ricco di divertimenti ma nello stessotempo anche di bellezze architettoniche, come la Plaza Redonda e le torri Gothic Quart Towerse. La vita notturna è coinvolgente fino a tarde ore, con bar di tapas e pub con la musica dal vivo. Essendo in posizione centraleil quartiere è perfetto per vivere di fatto la città.

Leggi anche: Cosa vedere a Valencia

L'ex villaggio dei pescatori

Proprio localizzato di fianco alla spiaggia Playa Las Arenas, il quartiere El Cabanyal, ex villaggio dei pescatori è un luogo ideale per immergersi nella vita marinara: paella vicino al mare in ristoranti tipici, concerti e clima rilassante.

Non è un'area turistica e quindi si potranno trovare sistemazioni per tutte le tasche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso