8 Gennaio Gen 2019 1702 08 gennaio 2019

India: rabbia per legge su migranti indù

'Discrimina i musulmani'. Governo, 'è tutela da persecuzioni'

  • ...
India: rabbia per legge su migranti indù

(ANSA) - GAUHATI (INDIA), 8 GEN - La camera bassa del parlamento dell'India ha approvato un disegno di legge che garantisce la residenza e la cittadinanza indiane a qualunque migrante indù (ma anche giainista e parsi) che fugga da Paesi vicini a maggioranza musulmana, soprattutto Bangladesh, Pakistan e Afghanistan, dando per scontato che stia fuggendo da persecuzione religiosa. E si scatena la protesta dell' opposizione e violenza di piazza negli stati indiani del nord-est. Il ministro dell'interno, Rajnath Singh, del partito nazionalista induista Bjp del premier Narendra Modi, ha negato che il provvedimento sia discriminatorio nei confronti dei musulmani e delle altre religioni, anche se di fatto concede un'esenzione a induisti, giainisti e parsi dalla legge federale indiana. Quest'ultima proibisce di dare la cittadinanza a chiunque sia entrato illegalmente in India. Una norma, quella appena approvata, che per i detrattori viola la Costituzione dell'India, che concede a tutti diritti uguali, senza differenza di religione.