Fabrizio Corona aggredito nel bosco di Milano Rogoredo

«Stasera mi sono recato al Bosco di Rogoredo, patria nazionale dello spaccio italiano, dove anche la polizia si rifiuta di entrare. Mentre le uniche inchieste realizzate sono state fatte di giorno da giornalisti accompagnati da polizia di scorta a circondare la zona, Io mi sono recato lì solo con un operatore e un fonico per raccontare il parallelismo della mia tossicodipendenza e quella che colpisce l’Italia e la povera gente che vede uno stato inerme e una polizia disinteressata». Inizia così il racconto di Fabrizio Corona che su Instagram ha postato un video e una foto in cui viene medicato dai sanitari del 118 dopo essere stato aggredito da un gruppo di spacciatori infastiditi della sua presenza in quella zona. Corona era lì con la troupe di una società che fornisce materiale per la trasmissione "Non è l'Arena", il programma su La7 condotto da Massimo Giletti. Secondo il suo racconto una ventina di pusher stranieri lo avrebbero circondato prendendolo a calci e pugni. (video Instagram di Fabrizio Corona)

  • ...