James Bond era un alcolizzato secondo l'università di Otango

«Vodka Martini agitato, non mescolato». Dopo «il mio nome è Bond, James Bond» è forse questa una delle frasi più celebri dell'agente segreto di sua maestà britannica. Ma dietro questo aforisma si celerebbe, almeno secondo i ricercatori dell'università di Otango, un serio problema con le bevande alcoliche. Analizzando 24 film tra il 1962 e il 2015 gli studiosi hanno scoperto che Bond ha bevuto pesantemente per oltre sei decenni. Nonostante la sua preferenza per i vodka martini lo studio universitario ha scoperto che l'agente segreto beveva e beve dalla vodka allo champagne, fino anche occasionalmente alla birra. Il ritratto di un uomo con seri problemi legati all'alcol. Si tratterebbe di fino a 50 unità al giorno di cocktail: «In livello di consumo che ucciderebbe quasi tutti», hanno fatto sapere dall'università.

  • ...