L’Italia ha bocciato la ratifica della riforma del Mes

Ginevra Abeti
21/12/2023

La Camera ha votato contro le modifiche del Meccanismo europeo di stabilità, di fatto bloccandone l'entrata in vigore per tutti i 20 Paesi dell’Eurozona. Maggioranza divisa, con Lega e FdI contrari e Forza Italia che si è astenuta. Protestano le opposizioni.

L’Italia ha bocciato la ratifica della riforma del Mes

Con 184 voti contrari, 44 astenuti e 72 a favore la Camera ha bocciato la ratifica della riforma del Meccanismo europeo di stabilità (Mes), l’istituzione dell’Ue che ha il fine di aiutare i paesi dell’Eurozona in grave crisi economica. Fratelli d’Italia, Lega e Movimento 5 stelle hanno votato contro. Si sono astenuti Forza Italia e Alleanza verdi-sinistra, e hanno votato a favore Partito democratico, Italia Viva e Azione.

Gli effetti della bocciatura della ratifica del Mes

La bocciatura della ratifica del Mes da parte dell’Italia, l’ultimo paese che ancora doveva votarla entro il 31 dicembre, di fatto blocca per tutti i 20 Paesi che fanno parte dell’Eurozona l’entrata in vigore della riforma. Sul piano europeo, quindi, il principale effetto del voto dell’Italia è che il Mes rimarrà nella sua vecchia versione, mentre il voto sulla ratifica sarà rinviato a dopo le elezioni europee di giugno del 2024. A livello politico interno, invece, il voto di giovedì ha evidenziato una divisione all’interno della maggioranza, con Fratelli d’Italia e Lega che, in opposizione e Forza Italia, non hanno mai cambiato la loro posizione contraria alla riforma del Mes.

Le opposizioni: «Ennesima brutta figura dell’Italia»

E proprio sulla divergenza interna alla maggioranza le opposizioni hanno attaccato il governo: «L’europeismo di facciata di Tajani si sgretola nel voto alla Camera sul Mes, con la pavida scelta di non scegliere, mentre Fratelli d’Italia e Lega partono lancia in resta con i loro slogan anti Ue, facendo fare l’ennesima brutta figura all’Italia in una spaccatura interna alla maggioranza», ha scritto su X il sentore Enrico Borghi di Italia Viva. «Meloni e Salvini oggi per ripicca, per mascherare i loro fallimenti in Ue con il Patto di Stabilità, portano il Mes in Aula e lo bocciano. Ragazzini al governo che non sanno ragionare per l’Italia, ma per il solo tornaconto elettorale», ha attaccato invece in un video su X il leader di Azione Carlo Calenda.