Sequestrato un arsenale da guerra a militanti di estrema destra

Fucili d'assalto e anche un missile aria-aria: blitz contro combattenti italiani che hanno partecipato alla guerra del Donbass, in Ucraina.

15 Luglio 2019 07.32
Like me!

Armi da guerra, tra cui fucili d’assalto automatici di ultima generazione, sono stati sequestrati dalla polizia in varie città del Nord Italia. Il blitz dell’antiterrorismo, reso noto nelle prime ore della mattina del 15 luglio, è scattato nei confronti di una serie di soggetti orbitanti nei gruppi dell’estrema destra oltranzista e nasce da un’indagine della Digos di Torino relativa ad alcuni combattenti italiani che hanno partecipato alla guerra nel Donbass, in Ucraina.

TRA LE PERSONE IN MANETTE UN CANDIDATO DI FORZA NUOVA

Tre le persone finite in manette. Tra queste c’è Fabio Del Bergiolo, 50 anni, ex ispettore antifrode delle dogane che nel 2001 si era candidato al Senato, per Forza Nuova, nel collegio di Gallarate (Varese).

IL MISSILE IN USO ALLE FORZE ARMATE DEL QATAR

Tra le armi sequestrate, anche un missile aria-aria perfettamente funzionante. Il missile, secondo quanto accertato dalle indagini, sarebbe in uso alle forze armate del Qatar. All’operazione, coordinata dalla procura di Torino, hanno collaborato anche le Digos di Milano, Varese, Pavia, Novara e Forlì. I dettagli dell’inchiesta che ha portato ai sequestri del 15 luglio saranno resi noti in una conferenza stampa in questura a Torino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *