Un giovane migrante è morto attraversando il confine Italia-Francia

07 Febbraio 2019 13.54
Like me!

Un giovane migrante, soccorso nella notte lungo la strada nazionale 94 del Monginevro perché trovato in grave stato di ipotermia, è morto all'ospedale di Briançon. La procura di Gap ha aperto un fascicolo per «omicidio involontario». Secondo quanto riferito da Le Dauphine.com, versione online del quotidiano francese dell'Alta Savoia, si tratta di un uomo di una ventina d'anni. A notarlo sarebbe stato un camionista. Le abbondanti nevicate dei giorni scorsi rendono ancora più inaccessibili sentieri e stradine della zona. L'anno scorso, sul confine italo-francese dell'alta Valle di Susa, erano stati trovati tre cadaveri di migranti, morti nel tentativo di varcare il confine mentre cercavano di raggiungere la Francia.

Nel frattempo, non si fermano gli sbarchi di migranti sulle coste spagnole: almeno 103 persone, fra le quali sette donne e 55 minori, a bordo di quattro imbarcazioni, sono state soccorse nelle ultime 24 ore nello Stretto di Gibilterra dai mezzi del Salvataggio marittimo. Il primo barcone con cinque migranti a bordo, di origini sub-sahariane, è stato intercettato dalla motovedetta 'Salvamar Acturus' alle 10.30 della mattina del 6 febbraio e gli occupanti trasferiti al porto di Algesiras (Cadice).

LEGGI ANCHE: Perché il caso Sea Watch porta allo strappo definitivo governo e Vaticano

Tre ore più tardi, altre sette persone di origini sub-sahariane, su un gommone alla deriva, sono state tratte in salvo dalla stessa motonave. Nel corso della serata e della nottata, i mezzi del Salvataggio marittimo hanno tratto in salvo altri 77 migranti di origine maghrebina, in prevalenza minori, che viaggiavano su una barca nelle acque dello Stretto. E soccorso una quarta imbarcazione con a bordo 14 uomini, sempre originari del Maghreb. Gli arrivi di gruppi vulnerabili alle frontiere europee, soprattutto di minori che affrontano da soli i viaggi della speranza, hanno messo in allarme le autorità spagnole e Frontex, l'agenzia europea responsabile di coordinarne la protezione. Un fenomeno che «continua a essere preoccupante», come rileva l'ultimo rapporto dell'agenzia, citato da El Pais.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *