Italia fuori dall'euro, Casini: «Follia del Cav»

Italia fuori dall’euro, Casini: «Follia del Cav»

22 Giugno 2012 05.00
Like me!

L’uscita dall’euro è «una follia allo stato puro». Il leader dell’Unione di centro Pier Ferdinando Casini non usa mezzi termini per definire la sparata di Silvio Berlusconi che ha aperto il dibattito di una possibile uscita dalla moneta unica da parte dell’Italia. «Chi è stato cinque volte premier», ha detto Casini, «non può non sapere che una discussione sul dietrofront di Roma dall’euro proprio quando Monti si appresta a ricevere Hollande, Merkel e Rajoy, non può essere sottovalutato». E da qui la definizione di «follia».
PD E PDL NON AIUTANO MONTI. Secondo il leader dell’Udc, ci sarebbero «troppe fibrillazioni in giro in un momento cruciale». Per questo Casini ha ammesso dalle pagine de La Stampa che non è l’ora di essere «sleali e caricare il Professore di responsabilità eccessive rispetto all’esito del vertice europeo vuol dire solo precostituirsi un alibi per attaccarlo il giorno dopo».
Il centrista si è detto «molto preoccupato», perché «c’è chi gioca a fare come Penelope, disfacendo di notte la tela faticosamente costruita di giorno da Monti», riferendosi alla fibrillazione nel Popolo della libertà e nel Partito democratico che «non aiuta un governo nato non per tirare a campare, ma per fare».
FIDUCIA SULLA LEGGE ELETTORALE. Sulla legge elettorale, Casini si è detto fiducioso e che alla fine comunque ci sarà, ma «basta perder tempo» è stato il suo messaggio. Tuttavia, ha proseguito, in caso di voto a breve, il suo partito sta lavorando «per creare un’area moderata più ampia dell’Udc anche con esponenti del Terzo Polo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *