Redazione

Qual è l'iter per evitare la procedura di infrazione

Qual è l’iter per evitare la procedura di infrazione

La parola passa ora al comitato economico e finanziario, che decide entro il 20 giugno. Successivamente la palla in Commissione e in seguito all’Eurogruppo dell’8 luglio.

05 Giugno 2019 18.16

Like me!

Con l’avvio dell’iter che potrebbe portare all’apertura della procedura per debito eccessivo, la Commissione Ue ha di nuovo messo in moto il countdown, come già fece a dicembre scorso. Allora, il percorso si fermò dopo il buon esito della trattativa con il governo italiano il 19 dicembre. Cosa che potrebbe ripetersi anche questa volta, se ripartisse un negoziato e l’Italia riuscisse a convincere Bruxelles e gli altri partner europei che il suo debito scenderà.

LA PALLA ALL’EFC

Ora che la Commissione ha emesso il suo verdetto, la parola passa al comitato economico e finanziario (Efc): sono gli sherpa dell’Eurogruppo e dell’Ecofin, che devono esprimersi sulle conclusioni di Bruxelles entro 15 giorni. Ovvero entro il 20 giugno. Potrebbero riunirsi già martedì prossimo, ma decidere di aspettare l’Eurogruppo del 14 per avere un mandato politico dei ministri.

IL DOSSIER TORNA ALLA COMMISSIONE

Dopo l’Efc, tutto torna in mano alla Commissione, che deve preparare la raccomandazione che apre la procedura, con tanto di piano di rientro dalla deviazione, e correzione da fare subito. Questo passaggio potrebbe avvenire durante una delle riunioni del Collegio dei commissari, cioè il 26 giugno o il 3 luglio.

LA PAROLA DEFINITIVA ALL’EUROGRUPPO

E l’Eurogruppo dell‘8 luglio potrebbe approvarla definitivamente, condannando l’Italia ad anni di conti sotto controllo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *