Redazione

Ivan Golunov, il giornalista arrestato in Russia per spaccio ma senza prove

Ivan Golunov, il giornalista arrestato in Russia per spaccio ma senza prove

La stampa liberale si è schierata in difesa del cronista anti corruzione. Mentre i test sulle tracce di sostanza stupefacenti risultano tutti negativi.

10 Giugno 2019 11.39

Like me!


«Io, noi siamo Ivan Golunov». I tre principali quotidiani
economico-liberali russi, Vedomosti, RBK e Kommersant, sono in
edicola il 10 giugno con una prima pagina identica per sostenere il
giornalista investigativo Ivan Golunov, arrestato venerdì scorso
con l’accusa di tentato spaccio di stupefacenti e al momento
agli arresti domiciliari. La dimostrazione di solidarietà è
definita da molti osservatori come senza precedenti. Le testate
non escludono che l’arresto abbiano piuttosto a che fare con
l’attività professionale del cronista.

NESSUNA TRACCIA DI SOSTANZE NARCOTICHE O PSICOTROPE

Gli esperti del ministero dell’Interno non hanno trovato sostanze narcotiche e psicotrope nei campioni presi dalle mani e dalle unghie del reporter di Meduza Ivan Golunov, accusato di tentato traffico di droga. Lo fa sapere Pavel Chikov, il capo dell’associazione internazionale per i diritti umani Agora, i cui avvocati difendono il giornalista. Lo fa sapere RBK. Il test del ‘lavaggio’ delle mani, precisa la testata, è in grado d’individuare tracce di droga risalendo a due settimane dal primo contatto. Anche il test delle urine è risultato negativo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *