Come va il Jobs act: aumentano le assunzioni e pure i licenziamenti

Samuele Cafasso
28/03/2018

Con la riforma renziana nuovi contratti a +50%. Stesso dato per i rapporti chiusi. Che però in termini assoluti sono meno. L'occupazione 2015-2017 cresce. L'analisi Inps sulle aziende tra 10 e 20 dipendenti.

Come va il Jobs act: aumentano le assunzioni e pure i licenziamenti

Il Jobs act ha funzionato oppure no? È da criticare perché ha reso più semplice licenziare o invece da lodare perché ha incentivato nuove assunzioni? Uno studio scientifico dell'Inps condotto dal presidente Tito Boeri e da Pietro Garibaldi e rilanciato dal sito Lavoce.info sostiene che sono vere entrambe le cose: con la sua applicazione sono aumentati i licenziamenti ma, allo stesso tempo, anche le assunzioni. Più o meno della stessa percentuale, ossia del 50%. Essendo però le assunzioni più numerose a livello assoluto, il saldo è positivo.

RIFORMA NEL MIRINO DI LEGA E M5S. Tra le riforme approvate dal governo Renzi il Jobs act è quella che più è stata contestata negli ultimi anni. Ed entrambi i partiti considerati vincitori nelle elezioni politiche 2018 – la Lega di Matteo Salvini e il Movimento 5 stelle di Luigi Di Maio – hanno dichiarato di volerla cancellare. Fortemente critica è anche la Cgil, soprattutto sulla liberalizzazione dei licenziamenti, mentre Confindustria ha chiesto a ridosso del voto del 4 marzo che le norme approvate da Renzi in tema di lavoro, insieme con la legge Fornero, non siano cancellate.

Essenzialmente il Jobs act approvato a fine 2014 si compone di due grandi interventi: il contratto a tutele crescenti applicato ai nuovi assunti in sostituzione del vecchio contratto a tempo indeterminato (riforma che riguarda le aziende sopra i 15 dipendenti) e gli incentivi per le assunzioni.

CRESCONO QUASI SOLO I DETERMINATI. I dati generali dicono che nel triennio 2015-2017 la crescita degli occupati è stata pari a 800 mila unità, un incremento che però, notano i critici, è in larghissima parte da riferirsi ai contratti a tempo determinato. Nel 2017, in particolare, il saldo tra assunzioni e cessazioni è positivo per 500 mila unità, ma mentre i contratti a tempo determinato sono cresciuti di 537 mila unità, i tempi indeterminati sono calati di 117 mila. In aumento anche apprendistato e stagionali.

Jobs Act è legge: sì del Senato alla fiducia

Modifiche all’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, estensione degli ammortizzatori sociali, nuove regole per l’Aspi, cambiamenti nelle norme sui controlli a distanza, introduzione del contratto a tutele crescenti e superamento delle collaborazioni coordinate e continuative: sono queste le principali novità contenute nella delega sul lavoro.

Lo studio di Boeri e Garibaldi, invece, si concentra in particolare sull'effetto della liberalizzazione dei contratti a tempo indeterminato analizzando assunzioni e licenziamenti nelle aziende tra i 10 e i 20 dipendenti tra gennaio 2013 e dicembre 2016, tracciando la "storia lavorativa" di oltre sei milioni di lavoratori.

DIFFERENZE SOPRA E SOTTO LA SOGLIA DEI 15. Così facendo i due economisti hanno potuto confrontare il differente comportamento delle aziende sopra e sotto la soglia dei 15 dipendenti, sia prima sia dopo l'entrata in vigore delle nuove regole (applicate appunto sopra i 15 dipendenti). Questo approccio si definisce come "metodo delle differenze di differenze" ed è utilizzato per ottenere dati scientificamente validi.

[mupvideo idp=”5495708378001″ vid=””]

Una prima evidenza è che le aziende che superano la soglia dei 15 dipendenti passano dalle 10 mila al mese prima della riforma a 12 mila, dato che però subisce una forte frenata con la fine degli incentivi. È difficile, insomma, capire quanto pesi il quadro legislativo e quanto l'alleggerimento fiscale.

DOPPIO AUMENTO PARALLELO DEL 50%. La seconda parte della ricerca però evidenzia come le imprese che si trovano sopra la soglia dei 15 dipendenti, rispetto a quelle che si trovano sotto e per cui quindi le regole non sono cambiate, hanno aumentato le assunzioni del 50% in più dopo l'approvazione del Jobs act. In questo caso la decontribuzione non ha influenza perché si applica sia a chi ha meno di 15 dipendenti sia a chi ne ha di più. Allo stesso tempo, però, pure i licenziamenti aumentano del 50% in più nelle aziende a cui si applica il Jobs act rispetto a quelle più piccole.

Renzi: “Col Jobs Act più assunti che licenziati”

Riforme, Fisco, rapporti con il M5s e il caso Libia. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi è intervenuto al Tg1, parlando ad ampio raggio di vari temi. In primis un commento sul Jobs Act: “Quest’anno ci saranno molte più assunzioni che licenziamenti: sono pronto a scommetterlo e molto dipenderà dal testo che rende molto più semplice assumere”.

Boeri e Garibaldi concludono: «Per molti anni Matteo Renzi ha sostenuto che il nuovo contratto avrebbe aumentato le assunzioni. Susanna Camusso diceva invece che sarebbero aumentati i licenziamenti. Avendo a disposizione le carriere lavorative di circa 6 milioni di lavoratori, sappiamo oggi in modo scientifico che avevano ragione entrambi su questo punto. Va peraltro ricordato che l’aumento di assunzioni del 50% corrisponde a un numero molto più grande rispetto all’aumento dei licenziamenti del 50% e che l’occupazione totale è aumentata nel triennio analizzato».

BOERI A FAVORE DELLE TUTELE CRESCENTI. Va ricordato che Boeri, anche se questo non inficia la scientificità della ricerca, è tra gli economisti che più negli anni passati hanno teorizzato il passaggio al contratto a tutele crescenti come risposta ai cambiamenti del mercato del lavoro. Il Jobs act, tuttavia, è molto differente dalla strada indicata dall'economista, a partire dalla scelta del governo Renzi di mantenere e anzi rendere più facilmente adottabile il contratto a tempo determinato accanto a quello a tutele crescenti.