Jobs Act, per la Corte costituzionale «la disciplina dei licenziamenti collettivi non è illegittima»

Redazione
22/01/2024

La Consulta ha ritenuto che il riferimento contenuto nella legge di delega ai «licenziamenti economici» riguardasse sia quelli individuali per giustificato motivo oggettivo, sia quelli collettivi.

Jobs Act, per la Corte costituzionale «la disciplina dei licenziamenti collettivi non è illegittima»

La Corte costituzionale ha stabilito che la disciplina dei licenziamenti collettivi del Jobs Act è legittima. Per la Consulta non sono fondante le questioni di legittimità costituzionale degli articoli 3, primo comma, e 10 del decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 23, il quale, in attuazione della legge di delega n. 183 del 2014, il cosiddetto Jobs Act, ha introdotto il contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti in relazione all’anzianità di servizio. Considerando anche i lavori parlamentari e la finalità complessiva perseguita dal Jobs Act, ha ritenuto che il riferimento contenuto nella legge di delega ai «licenziamenti economici» riguardasse sia quelli individuali per giustificato motivo oggettivo, sia quelli collettivi.