Chi è John Lundvik, cantante svedese in finale all'Eurovision 2019

Chi è John Lundvik, cantante svedese in finale all’Eurovision 2019

Partecipa alla kermesse con Too Late for Love. Già atleta e campione velocista, ha composto anche il brano che ha accompagnato le nozze reali di Vittoria e Daniel Westling.

18 Maggio 2019 16.40

Like me!

I suoi genitori biologici erano presumibilmente afro-caraibici, anche se lui non li ha mai conosciuti e dice di non avere mai avuto interesse a farlo fino a quando il servizio sanitario non gli ha chiesto delle possibili malattie ereditarie dei suoi due figli Naomi (4 anni) e Michael (2). John Lundvik è nato il 27 gennaio 1983 a Londra, dove ha vissuto fino all’età di sei anni. Ma poi la coppia di svedesi che lo aveva adottato quando aveva solo una settimana di vita lo ha portato nella città di Växjö, nella provincia dello Småland in cui sono nati tre degli svedesi più famosi al mondo: il biologo Carlo Linneo, il fondatore di Ikea Ingvar Kamprad e la scrittrice di Pippi Calzelunghe Astrid Lindgren.

LEGGI ANCHE: Le canzoni in gara all'Eurovision Song Contest 2019

LA CARRIERA DA VELOCISTA

Lundvik si sente ora talmente "svedesizzato" che la sua patria adottiva l'ha rappresentata in due modi diversi: ora come concorrente all’Eurovision Song Contest con la canzone Too Late for Love e in precedenza come atleta. Velocista, per la precisione. Nel 2002 divenne titolare della squadra di staffetta 4 x 100 e ai Campionati svedesi del 2005 conquistò la medaglia di bronzo. Ma nel 2009 si è ritirato, e dal 2010 è passato alla musica. Anche qui con un esordio molto “nazionale”: ha infatti composto il brano When You Tell the World You're Mine che è stato commissionato ed eseguito espressamente per il matrimonio reale tra Vittoria di Svezia e Daniel Westling.

L'INNO SVEDESE PER LE OLIMPIADI DI RIO DE JANEIRO

Sempre come autore ha composto canzoni per artisti come Anton Ewald, Isac Elliot e Sanna Nielsen. Nel 2016 vocazione musicale e sportiva sono tornate un attimo a ricongiungersi, quando ha composto l’inno svedese per le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Sempre nel 2016 si è esibito a Allsång på Skansen: un popolare festival estivo in cui gli spettatori possono cantare famose canzoni assieme a cantanti. E nel 2018 ha partecipato per la prima volta al Melodiefestivalen che seleziona il partecipante svedese all’Eurovision Song Contest vincendolo l'anno successivo. A Tel Aviv è presente però due volte. Come interprete, appunto, in qualità di rappresentante della sua patria di adozione Svezia. E come autore di Bigger than us, la canzone con cui Michael Rice rappresenta la sua patria di origine, il Regno Unito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *