Sanremo, il caso Travolta e i sospetti di pubblicità occulta per U-Power

Redazione
08/02/2024

L'attore, che non ha firmato la liberatoria per il video del Ballo del Qua Qua, ha sfoggiato sul palco dell’Ariston un paio di scarpe del brand brianzolo, di cui è testimonial. L'azienda smentisce che sia stata un'operazione di marketing subliminale: «La partecipazione è frutto di un accordo con la Rai». Fa discutere anche il cachet.

Sanremo, il caso Travolta e i sospetti di pubblicità occulta per U-Power

Cachet da urlo, sospetti di pubblicità occulta e liberatoria negata. La partecipazione di John Travolta al 74esimo Festival di Sanremo, imbarazzante per larghi tratti ma apparentemente innocua, è invece diventata un caso.  Dopo aver ballato ne La febbre del sabato sera, Grease e Pulp Fiction, l’attore americano è stato coinvolto da Fiorello e Amadeus in un’improbabile danza sulle note de Il Ballo del qua qua, brano portato al successo da Romina Power. «Per quest’uomo che ha fatto tutto, di origini italiane, la fine della sua carriera sarà qui con noi», aveva anticipato Fiorello.

Forse timoroso che ciò potesse succedere davvero, Travolta non ha firmato la liberatoria che consente la diffusione del video, come spiegato da Eleonora Daniele nella puntata odierna di Storie Italiane. Il singolo siparietto – come ammesso da Fiorello una «delle gag più terrificanti della storia della tv italiana» – è stato rimosso da RaiPlay, dove si può vedere solo assistendo alla replica della seconda serata del Festival.

Il divo americano potrebbe aver ricevuto un milione per indossare le scarpe U-Power

«Speriamo che almeno lo abbiano pagato profumatamente», è il commento che ricorre sui social davanti alla scena del ballo. E proprio sul cachet si è aperto il giallo principale, per così dire. Secondo Adnkronos, Travolta sarebbe stato pagato 200 mila euro. C’è chi parla di 500 mila e chi si spinge, come il Corriere della Sera, fino a un milione di euro: una somma esorbitante (soprattutto per quanto visto), a cui avrebbe contribuito in maniera massiccia U-Power, azienda brianzola di scarpe antinfortunistiche e abbigliamento da lavoro, di cui l’attore è testimonial. Se così fosse si tratterebbe di un nuovo caso di pubblicità occulta dopo quello dell’edizione 2023 con il selfie postato su Instagram di Amadeus, Chiara Ferragni e Gianni Morandi costato alla Rai 175 mila euro di multa Agcom. Per la cronaca, nella sua precedente partecipazione al Festival nel 2006, Travolta ottenne un compenso di 450 mila euro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Selvaggia Lucarelli (@selvaggialucarelli)

Il presidente di U-Power, Franco Uzzeni, era in prima fila all’Ariston

Non è passata, a tal proposito, la presenza in prima fila all’Ariston del presidente di U-Power, Franco Uzzeni, che indossava le stesse scarpe sfoggiate da Travolta sul palco. E nemmeno la condivisione sui profili social dell’azienda delle inquadrature sulle scarpe bianche ai piedi di Travolta. Sul caso è arrivata già la smentita da parte di U-Power: «Con riferimento alla partecipazione di John Travolta al Festival di Sanremo, U-Power precisa che l’attore, come noto, è testimonial dell’azienda dall’estate del 2023. La partecipazione al Festival di Sanremo è frutto di un accordo tra la Rai e l’attore del quale U-Power non è in nessun modo parte in causa. In merito ai contenuti della performance, gli stessi sono un tema di esclusiva competenza della direzione artistica del festival di Sanremo».

La Rai: «Errore nostro non fare caso al logo sulle scarpe»

Sul caso arrivano anche le precisazioni della Rai. Durante la conferenza stampa di giovedì mattina la vicedirettrice Federica Lantini ha risposto così alle domande dei cronisti: «Travolta è entrato in camerino e poi subito sul palco: è stato un nostro errore non fare caso al logo delle scarpe che sono di una casa non molto familiare». Mentre sulle inquadrature insistite, Lentini ha ribadito: «Solo un accordo editoriale. Nessuno ha notato le scarpe e non c’è stata nessuna volontà di fare inquadrature particolari sui piedi». I giornalisti hanno poi chiesto un commento ad Amadeus in merito all’apparente imbarazzo dell’attore durante la gag con il conduttore e Fiorello. «Tutto quello che è accaduto sul palco Travolta lo sapeva, nessun tranello. Fiorello è il più grande showman che abbiamo e riesce a fare cose che gli artisti non farebbero… il fatto che il protagonista non gradisca, o cambi idea fa parte dello spettacolo», ha detto Amadeus.

Amadeus ha rischiato di scivolare nuovamente sulla pubblicità a Instagram

E proprio sui già citati social Amadeus ha rischiato di scivolare nuovamente durante l’edizione 2024 del Festival. Durante il siparietto sul palco con Travolta, il conduttore ha chiesto al figlio José seduto in prima fila di scattargli una foto con il divo americano. «Amore, non mi hai fatto le foto con Travolta? Eh no, le devi fare. Poi le devo postare sui miei social», ha detto rivolgendosi al figlio, per poi correggersi: «Oh no, un’altra volta. Non ho detto niente, “i miei social” sono Televideo».